Boom di casi, dove il contagio corre di più: tutti gli indici Rt delle Regioni

Corre ancora il virus in Italia, e sempre più veloce a causa della variante inglese ormai nettamente prevalente. Ecco le Regioni più a rischio

Corre ancora il virus in Italia, e sempre più veloce a causa della variante inglese ormai nettamente prevalente (qui i sintomi). Un’Italia sempre più arancione e rossa. Analizzando gli ultimi dati pubblicati dall’Iss nel suo report settimanale aggiornato al 3 marzo, che prende come periodo di ferimento la settimana che va dal 22 al 28 febbraio, osserviamo una ulteriore accelerazione nell’aumento dell’incidenza a livello nazionale.

Per i tempi che intercorrono tra l’esposizione al virus e lo sviluppo di sintomi e tra questi e la diagnosi e successiva notifica, verosimilmente molti dei casi notificati in questa settimana hanno contratto l’infezione nella prima metà di febbraio.

Incidenza Covid

Si parla ormai di 195 casi per 100mila abitanti contro i 145,16 della settimana scorsa, dato che, essendo in ritardo, fotografa probabilmente una diffusione del Covid più ampia. L’Iss spiega che l’incidenza nazionale si sta rapidamente avvicinando alla soglia dei 250 casi alla settimana per 100mila abitanti, che impone il massimo livello di mitigazione possibile.

Soglia che già nell’ultimo monitoraggio viene superata in ben 5 Regioni/PPAA:

  • Provincia Autonoma di Trento (385,02)
  • Provincia Autonoma di Bolzano (376,99)
  • Emilia-Romagna (342,08)
  • Marche (265,16)
  • Lombardia (254,44).

Ma, come dicevamo, la situazione ad oggi potrebbe essere anche più grave. Si conferma per la quinta settimana consecutiva un peggioramento nel livello generale del rischio. Aumenta il numero di Regioni/PPAA classificate a rischio alto, che diventano 6, ben 9 sono a rischio moderato ma ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane. Soltanto una Regione è a rischio basso che è la Sardegna, riconfermata in zona bianca.

Si conferma per la quinta settimana consecutiva un peggioramento nel livello generale del rischio e anche delle Regioni che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica (9 Regioni/PPAA vs 8 la settimana precedente). Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento (26% vs 24% della scorsa settimana).

Indice Rt Covid

Nel periodo 10-23 febbraio l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,06 (range 0,98–1,20), in aumento rispetto alla settimana precedente e sopra 1 per la prima volta in sette settimane.

Regioni con Rt sotto 1

  • Sardegna: 0.67
  • Bolzano: 0.75
  • Umbria 0.79
  • Sicilia: 0.79
  • Calabria 0.81
  • Friuli Venezia Giulia: 0.92
  • Puglia: 0.93
  • Abruzzo: 0.96
  • Campania: 0.96
  • Liguria: 0.96
  • Lazio: 0.98.

Regioni con Rt sopra 1

  • Veneto 1.08
  • Marche: 1.08
  • Trento: 1.1
  • Emilia Romagna: 1.13
  • Lombardia: 1.13
  • Piemonte: 1.15
  • Basilicata: 1.16
  • Toscana 1.18
  • Valle d’Aosta 1.21
  • Molise: 1.66.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Boom di casi, dove il contagio corre di più: tutti gli indici Rt dell...