Coronavirus, nuova ordinanza in Lombardia: quando la mascherina rimane obbligatoria

In Lombardia non sarà più obbligatorio indossare la mascherina, ma ad una condizione: cosa prevede la nuova ordinanza della regione

Tra le regioni più colpite dalla pandemia rientra sicuramente la Lombardia. Il Coronavirus ha messo a dura prova il territorio lombardo, tant’è che, con l’inizio della Fase 2, molte restrizioni non sono venute meno nelle cosiddette “zone rosse”. Tra gli obblighi che i lombardi hanno dovuto continuare a rispettare, anche in Fase 3, vi è quello dell’utilizzo della mascherina all’aperto. Con la nuova ordinanza della regione, però, nuove regole varranno per i lombardi dal 16 al 31 luglio.

Nuova ordinanza regione Lombardia, quando viene meno l’obbligo di mascherina

Con la firma alla nuova ordinanza regionale il Presidente Attilio Fontana ha deciso di far venire meno l’obbligo di ricorrere della mascherina nei luoghi all’aperto. Chi risiede in Lombardia, dunque, non sarà più tenuto ad indossare strumenti di protezione individuale anti-Covid tutte le volte che uscirà di casa. Attenzione, però, il mancato utilizzo alla mascherina è ammesso solo se, come si legge nell’ordinanza, si continuano a rispettare le norme sul distanziamento sociale.

Nei casi in cui che non sarà possibile mantenere le distanze di sicurezza, dunque, indossare la mascherina diventa obbligatorio. Per questo motivo, come la regione ha stabilito: “in ogni caso la mascherina deve essere sempre detenuta con sé ai fini del suo eventuale impiego”.

Quando rimane obbligatorio indossare la mascherina in Lombardia

Eccezione fatta per i posti all’aperto, l’obbligo di utilizzare la mascherina in Lombardia rimane per tutti i luoghi chiusi e, come accennato sopra, “in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di un metro tra soggetti che non siano membri dello stesso gruppo familiare oppure conviventi”.

In ristoranti, bar, saloni di bellezza, centri estetici, negozi e, in generale, in tutti gli spazi chiusi (come i mezzi di trasporto pubblico) continuano a valere le regole sul distanziamento sociale nonché tutte le disposizioni anti-Covid: dal divieto di assembramento all’obbligo – appunto – di indossare alla mascherina per ridurre il rischio contagio.

Ricordiamo infine che, in alternativa alle mascherine, come mezzi di protezione possono essere usati indumenti a copertura di naso e bocca, sia nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico sia all’aperto quando non è possibile rispettare il metro di distanza.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, nuova ordinanza in Lombardia: quando la mascherina rimane...