Coronavirus, ombre sul farmaco anti-Covid a base di anticorpi

Nuove segnalazioni da parte delle autorità contro il farmaco anti-Covid a base di anticorpi Lilly Plant

Gli ispettori statunitensi della FDA, responsabili del controllo e la sicurezza dei farmaci, hanno effettuato un’ispezione presso uno stabilimento dell’azienda farmaceutica Eli Lilly & Co, nel New Jersey, attualmente a lavoro nella produzione del farmaco anti Covid a base di anticorpi Lilly Plant. Le autorità, nello specifico, hanno riscontrato problematiche relative al controllo della qualità attuate all’interno della struttura, rallentando in questo modo l’azienda che, recentemente, aveva promesso 1 milioni di dosi entro la fine dell’anno.

Farmaco anti-Covid a base di anticorpi, emergono dubbi sulla qualità

L’ispezione dello stabilimento Eli Lilly & Co, effettuata dalla Food and Drug Administration tra luglio e agosto, denuncia un “grave fallimento della garanzia di qualità“. Il rapporto è stato reso noto in data 2 ottobre 2020 e contiene al suo interno ben 4 settimane di indagini (terminate il 21 agosto 2020).

Secondo i documenti resi noti da Bloomberg, gli ispettori dell’agenzia hanno scoperto che in alcuni casi i dipendenti non hanno indagato sui potenziali problemi di qualità emersi durante la produzione del farmaco anti-Covid, ignorando sistematicamente i risultati dei test. I funzionari della FDA non hanno testato alcun prodotto realizzato presso la struttura, ma i responsabili della conformità hanno affermato nella lettera ispettiva che gli incidenti descritti “lasciano spazio a un potenziale impatto significativo sulla qualità del prodotto”.

Rallenta la corsa al farmaco in grado di sconfiggere il Covid

L’ispezione FDA, di fatto, mette un freno alla messa in commercio del trattamento anti-Covid a base di anticorpi, che alcuni esperti (compreso l’immunologo Anthony Fauci) avevano addirittura definito come “un ponte verso il vaccino”. L’azienda Lilly, inoltre, proprio recentemente aveva avviato il procedimento per poter autorizzare, in casi di emergenza, il farmaco contro il Coronavirus Lilly Plant, che è molto simile alla cura utilizzata per curare Donald Trump.

La replica di Eli Lilly & Co

In una dichiarazione pubblicata sul proprio sito web, comunque, la Eli Lilly & Co ha replicato a Bloomberg affermando di non aver ricevuto una lettera di avvertimento o uno stop da parte delle autorità.

“Le questioni sollevate durante le ispezioni di Branchburg hanno la nostra piena attenzione e abbiamo lavorato a stretto contatto con la FDA per risolvere tutto”, ha fatto sapere la società, aggiungendo poi di essere fiduciosa sul fatto di poter risolvere al più presto i problemi relativi alla qualità e alla sicurezza del farmaco anti-Covid. Per questo motivo un consulente indipendente è stato assunto per monitorare i processi di produzione, con la speranza che il trattamento a base di anticorpi possa arrivare presto a tutti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, ombre sul farmaco anti-Covid a base di anticorpi