Coronavirus, è caro-ombrellone: aumento dei prezzi anche del 35%

Un'indagine condotta da Altroconsumo evidenzia una crescita media in doppia cifra in quasi tutta Italia

Le vacanze al mare, quest’anno, saranno particolarmente salate. E non perché sia aumentata la salinità delle acque dei nostri mari, anzi. Sono i costi per ombrellone e sdraio a essere cresciuti in maniera piuttosto sensibile a causa delle nuove norme sul distanziamento sociale imposte dall’emergenza Covid-19.

I gestori di lidi e stabilimenti balneari, infatti, hanno dovuto dotarsi di metro e picchetti per sistemare gli ombrelloni in modo da rispettare le distanze previste dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome. Il numero di postazioni si è così fortemente contratto, portando a un’impennata dei prezzi. Secondo un’indagine Altroconsumo, rispetto allo scorso anno si può arrivare a spendere fino al 35% in più per ogni giornata trascorsa in uno stabilimento balneare. Un incremento sensibile, che finirà per incidere pesantemente sulla possibilità degli italiani di poter trascorrere qualche tranquilla giornata al mare (anche se i prezzi non sono comunque paragonabili con quelli degli stabilimenti più cari d’Italia).

Estate 2020, incrementi in doppia cifra per ombrellone e sdraio: la ricerca

Altroconsumo ha condotto un’indegine su 117 stabilimenti balneari dislocati in sette località turistiche di altrettante regioni italiane (Sicilia, Lazio, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Campania e Marche) per verificare come fossero variati i prezzi rispetto al mese di agosto del 2019. E, come era facile aspettarsi, l’effetto Covid si è fatto sentire in maniera piuttosto sensibile.

Mediamente, per un singolo giorno si arriverà a spendere il 12% in più rispetto ad agosto 2019; chi sceglie di affittare ombrellone e sdraio per una settimana dovrà mettere in conto un aumento del 15% rispetto ai prezzi di un anno fa; decisamente più “convenienti” gli abbonamenti mensili, che hanno fatto segnare un +5% rispetto al 2019.

Caro-ombrellone: le regioni dove si spende di più

Dall’indagine condotta da Altroconsumo è anche possibile evincere quali sono le località dove il noleggio di un ombrellone e due sdraio ha subito gli aumenti più decisi. Scopriamo così che nella penisola sorrentina (zona che comprende Sorrento, Vico Equense, Meta e Piano di Sorrento) i prezzi degli stabilimenti sono aumentati mediamente del 32% rispetto a quelli praticati lo scorso anno.

Incrementi in doppia cifra anche per Finale Ligure, dove i rincari sono stati del 16% rispetto ai prezzi del 2019 (in alcuni lidi si è passati da 33 euro al giorno a 45 euro al giorno). Differente, invece, la situazione per i bagnanti palermitani che, conti alla mano, pagheranno di fatto gli stessi prezzi dello scorso anno (aumento dell’1%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, è caro-ombrellone: aumento dei prezzi anche del 35%