Addio Coprifuoco? C’è una data: quando si deciderà l’abolizione e da cosa dipenderà

Con il prossimo decreto Draghi molte delle restrizioni attuali potrebbero essere allentate, a partire dal coprifuoco

L’estensione dello stato di emergenza sanitaria al 31 luglio 2021 ha confermato molte delle restrizioni anti Covid attualmente in vigore, a partire appunto dal coprifuoco alle 22:00. Con l’approvazione del decreto aprile, però, le cose sono state subito messe in chiaro dal Governo, e cioè: tutto dipende dalla situazione epidemiologica in Italia, se morti e contagi quindi dovessero diminuire e gli ospedali essere meno intasati, le autorità si potrebbero esprimere in merito a una sospensione prima del tempo.

Coprifuoco entro le 22:00, da metà maggio le cose potrebbero cambiare

Insieme alle regole per la riapertura di palestre e piscine, il prossimo decreto approvato dal Governo Draghi dovrebbe contenere disposizioni anche in merito a una possibile estensione dell’orario di coprifuoco, fissato attualmente alle 22:00. A seguito delle numerose pressioni arrivate da parte delle Regioni, che vorrebbero permettere a bar e ristoranti di rimanere aperti la sera fino alle 23.00 o mezzanotte, l’Esecutivo ha detto che si pronuncerà sulla questione a partire da metà maggio.

Nello specifico, una volta esaminate le valutazioni del Comitato Tecnico Scientifico (che valuterà gli effetti delle riaperture del 26 aprile), il nuovo decreto conterrà anche le regole relative all’orario del coprifuoco. L’approvazione dovrebbe arrivare entro venerdì 14 maggio, per produrre i suoi effetti a partire da lunedì 17 maggio 2021.

Addio Coprifuoco? Quando si deciderà l’abolizione o la proroga

Sull’abolizione o proroga del coprifuoco, quindi, sono decisive le date legate all’approvazione e l’entrata in vigore del prossimo decreto Draghi.

Tutto, però, dipenderà – come già detto sopra – dalla situazione epidemiologica in Italia. Probabilmente si continuerà ad applicare il sistema dei colori e, considerando la curva dei contagi attuale, l’allentamento delle restrizioni dovrebbe riguardare sempre e solo le Regioni in zona gialla (anche se alcuni Presidenti hanno chiesto l’introduzione di misure meno rigide per estetisti e parrucchieri anche in zona rossa).

È molto improbabile, comunque, che in merito al coprifuoco il Governo decida di procedere con l’abolizione totale. Si parla infatti di proroga dello stesso alle 23:00 o a mezzanotte, mentre per l’eventuale sospensione definitiva quasi sicuramente dovremmo aspettare la prossima riunione del CTS a fine maggio. La conferma del coprifuoco fino a luglio, quindi, dipende dalle prossime riunioni e – ancora una volta – dall’andamento dei numeri dei contagi, dei morti e della capienza degli ospedali.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Addio Coprifuoco? C’è una data: quando si deciderà l’abo...