Conte, primi 100 giorni da ‘avvocato degli italiani’

Il governo gialloverde compie 100 giorni, otre tre mesi in cui il premier ha avuto spazio soprattutto all'estero

Il governo Conte compie 100 giorni, l’autodefinitosi ‘avvocato degli italiani’ è al primo tagliando da Presidente del Consiglio. 100 giorni in cui Conte, stretto in politica interna dall’esuberanza dei due vicepremier Salvini e Di Maio, si è visto e sentito piuttosto poco.

Probabilmente ha avuto maggiore visibilità all’estero, dove giungono meno i proclami da continua campagna elettorale dei partiti e dove ha preso parte ad un paio di vertici importanti, incassando l’apprezzamento soprattutto del presidente Usa Donald Trump.

Di certo – se fino ad ora praticamente non ha toccato palla – il suo ruolo sarà particolarmente importante in autunno, con l’approvazione della legge di Bilancio. Starà infatti a lui trovare una sintesi fra i proclami dei due partiti di maggioranza, l’inflessibilità di Salvini e Di Maio (scemata negli ultimi giorni) ed il rigorismo sui conti del ministro dell’Economia Giovanni Tria, garabnte in Europa dei conti pubblici italiani.

Leggi anche:
Salvini-Di Maio, svolta soft: “Rispetteremo tutti i parametri europei”

Conte, primi 100 giorni da ‘avvocato degli italiani’