Contagio Covid, 2 metri di distanza al chiuso non bastano: la scoperta coreana cambia tutto

A causa dei droplet che rimangono sospesi in aria, l'evidenza dimostra che la distanza di sicurezza di 2 metri al chiuso non sarebbe sufficiente

In questa pandemia ci hanno sempre detto che la distanza di sicurezza per scongiurare il contagio Covid è di almeno 2 metri in un luogo chiuso o se non si indossa la mascherina, come ad esempio quando si pratica sport. 1 metro in caso di situazioni in cui si indossa la mascherina o quando si è all’aperto. Tanto che tutte le norme fissate internazionalmente e localmente fanno riferimento a questo parametro. E probabilmente, dovremo farci i conti ancora per tutto il 2022, se non oltre. Così come per l’obbligo di mascherina.

Eppure, l’evidenza suggerisce, a causa dei droplet che rimangono sospesi in aria, un quadro molto diverso. La modalità di trasmissione del Coronavirus è principalmente dovuta alle goccioline di saliva che normalmente emettiamo quando tossiamo, starnutiamo o anche solo parliamo. Tuttavia, si parla sempre di più della possibilità di trasmissione per via aerea, ormai dimostrata da più casi.

Il caso della Corea del Sud

Il 17 giugno in Corea del Sud si è verificata un’epidemia di Coronavirus associata alla trasmissione di goccioline a lunga distanza. Il fatto ha dato lo spunto al dottor Lee Ju-hyung per portare avanti una ricerca sul campo molto particolare. Ogni volta che Ju-hyung andava al ristorante, tirava fuori un piccolo anemometro per controllare il flusso d’aria.

Una precauzione che ha preso dopo un precedente esperimento in cui lui e i suoi colleghi avevano ricreato le condizioni in un ristorante a Jeonju, città nel sud-ovest della Corea del Sud, dove i clienti hanno contratto il Coronavirus da un visitatore fuori città. Tra loro c’era uno studente delle superiori che è stato infettato dopo 5 minuti di esposizione da più di 6 metri di distanza.

L’indagine epidemiologica è stata implementata sulla base di interviste personali e raccolta di dati su immagini a circuito chiuso e dati sulla posizione dei telefoni cellulari. Per la ricerca dei contatti è stato utilizzato il sistema di supporto alle indagini epidemiche sviluppato dalla Korea Disease Control and Prevention Agency.

Nel ristorante considerato sono stati studiati la direzione e la velocità del flusso d’aria, le distanze tra i tavoli e il movimento dei clienti. In questo focolaio sono stati identificati 3 casi in totale e la velocità massima del flusso d’aria di 1,2 metri al secondo è stata misurata tra l’infettore e l’infezione in un ristorante dotato di condizionatori d’aria a soffitto.

Il caso indice è stato infettato a 6,5 metri di distanza dall’infettore e dopo appena 5 minuti di esposizione, senza alcun contatto diretto o indiretto. La ricerca ha portato dunque a dimostrare che la trasmissione di goccioline può avvenire a una distanza superiore a 2 metri se c’è un flusso d’aria diretto da una persona infetta.

Contagio possibile a 6 metri ed entro 5 minuti di esposizione, senza contatto

Le conclusioni, pubblicati sul Journal of Korean Medical Science, hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che lo standard ampiamente accettato di 2 metri di distanza sociale al chiuso potrebbe non essere abbastanza per garantire la sicurezza delle persone.

Non solo non si può sapere quando finirà la pandemia (anche se qualche ipotesi è possibile tracciarla), ma non sarebbe dunque nemmeno confermata la regola che il contagio avviene dopo 15 minuti di contatto entro 2 metri. Le linee guida sulla quarantena e sulle indagini epidemiologiche, affermano gli autori della ricerca, dovrebbero essere aggiornate per accogliere questi fattori per il controllo e la prevenzione del Covid.

Uno studio molto importante quello coreano, perché ha evidenziato come il precisissimo sistema di tracciamento dei contatti, a volte considerato anche eccessivo dalla popolazione, in Corea del Sud abbia in realtà consentito ai ricercatori di monitorare da vicino come il virus si muove attraverso le persone.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Contagio Covid, 2 metri di distanza al chiuso non bastano: la scoperta...