Contro il contagio Covid le misure da rispettare per gli esercizi commerciali

Il Governo ha introdotto misure specifiche che tutti gli esercenti, e i clienti, sono chiamati a rispettare per quelle attività che possono aprire

Nella Fase 2 saranno molte le attività commerciali che non potranno riaprire. Come anticipato dal premier Come in conferenza stampa, continuano ad essere sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole attività.

Le attività aperte

Aperti invece come già nella fase 1 supermercati, edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie, banche, assicurazioni, negozi per bambini e altri (qui trovate l’elenco completo delle attività aperte).

Chi ha la possibilità di restare aperto, però, deve scongiurare in ogni modo la diffusione del Coronavirus. Per questo, il Governo ha introdotto misure specifiche che tutti gli esercenti, e i clienti, sono chiamati a rispettare.

Misure per gli esercizi commerciali

  • Mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale.
  • Garanzia di pulizia e igiene ambientale con frequenza almeno due volte giorno e in funzione dell’orario di apertura.
  • Garanzia di adeguata aereazione naturale e ricambio d’aria.
  • Ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, questi sistemi devono essere disponibili accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento.
  • Utilizzo di mascherine nei luoghi o ambienti chiusi e comunque in tutte le possibili fasi lavorative laddove non sia possibile garantire il distanziamento interpersonale.
  • Uso dei guanti “usa e getta” nelle attività di acquisto, particolarmente per l’acquisto di alimenti e bevande.
  • Accessi regolamentati e scaglionati secondo le seguenti modalità:
    a) attraverso ampliamenti delle fasce orarie;
    b) per locali fino a 40 metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori;
    c) per locali di dimensioni superiori ai 40 metri quadri, l’accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, dove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.
  • Informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata.

Qui potete scaricare il Dpcm in pdf in versione integrale.

LO SPECIALE QUIFINANZA SULLA FASE 2

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Contro il contagio Covid le misure da rispettare per gli esercizi comm...