I consigli degli esperti per un Natale in sicurezza

Il Natale si avvicina sempre di più e per trascorrere le feste in sicurezza alcuni esperti, italiani e non, hanno dato i loro consigli

Si avvicina il Natale e, in tempi di pandemia, diversi esperti in tutto il mondo (italiani compresi) hanno deciso di dare alcuni consigli per trascorrere le vacanze – le seconde in piena emergenza sanitarie – in assoluta sicurezza. Ecco i pareri di Fauci, Abrignani, Pregliasco, Galli e Lopalco.

I consigli degli esperti per un Natale in sicurezza: Fauci, Abrignani e Pregliasco

Ai microfoni della Cnn Anthony Fauci (ecco chi è quanto guadagna), consigliere del presidente degli Stati Uniti, ha detto che si può fare a meno della mascherina quando si fa visita ai familiari solo nel caso in cui tutte le persone siano vaccinate. Ha poi aggiunto che conoscere lo status vaccinale delle persone con cui si passano le feste è necessario. In caso di dubbi, meglio indossare un dispositivo di protezione: “Fatevi vaccinare e potrete godervi le vacanze. Il tampone non può essere considerato un sostituto”.

Sulla stessa scia Sergio Abrignani, immunologo e membro del Cts, che ha posto l’attenzione sul pranzo e sulle cene di Natale: “Se ci sono parenti anziani meglio che a tavola ci sia spazio solo per i vaccinati, ha dichiarato a ‘Un giorno da pecora’. Per quel che riguarda i bambini, invece, “ai miei nipotini consiglio di non abbracciare i nonni, ma dipende dalla sensibilità di ciascuno di noi”.

Più drastico Fabrizio Pregliasco, che sempre a Radio1 ha suggerito di rimandare al prossimo anno i pranzi con tanti invitati, usando Zoom per vedere i familiari.

I consigli degli esperti per un Natale in sicurezza: Galli e Lopalco

All’Adnkronos è invece intervenuto Massimo Galli, predicando buonsenso. Secondo lui vanno evitati pranzi e cene troppo affollate, suggerendo di poter allargare le maglie solo nelle famiglie in cui si è tutti vaccinati. Per quel che riguarda i bambini, per i quali la vaccinazione partirà dal 23 dicembre, gli effetti della protezione non saranno visibili prima del 2022. Meglio limitarne gli incontri con nonni e persone fragili.

Infine, il pensiero dell’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, ex assessore alla Sanità della Puglia, che a SkyTg24 ha sottolineato come lui non inviti o non si presenti a casa di persone non vaccinate: “Se tutti quanti cominciassimo a dire che se non sei vaccinato al cenone di Natale non ci vieni, credo che qualche altra vaccinazione si recupererà” (qui tutto quello che costerà di più durante le feste: dai regali al cibo).

Natale e Super Green pass: come saranno le feste

Per quanto riguarda le limitazioni imposte dal Super Green pass, il Governo ha di fatto deciso di non consentire ai non vaccinati di sedersi al ristorante dal 6 dicembre al 15 gennaio. Per le persone sprovviste della certificazione verde rinforzata, infatti, non sarà possibile sedersi nei locali al chiuso. A ridosso del Natale, dunque, dovrebbero vedersi gli effetti della restrizione nella curva dei contagi. Ecco qui, invece, chi non ha l’obbligo del Super Green pass: tutte le esenzioni.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

I consigli degli esperti per un Natale in sicurezza