Vaccino Covid, Arcuri: “Chi lo riceverà gratis”

Il Commissario per l'Emergenza ha chiarito alcuni punti del Piano vaccini, delineando anche una road map precisa

Il vaccino anti-Covid (o, per essere più precisi, i vaccini anti-Covid) che l’Italia ha acquistato nei mesi e nelle settimane passate verrà somministrato a tutti. Parola del Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri. Il funzionario, intervistato da Lucia Annunziata nella trasmissione TV “Mezz’ora in più”, ha illustrato alcuni punti sinora poco chiari del Piano vaccini che Governo e CTS hanno predisposto in vista della partenza della campagna di vaccinazione anti-Covid.

Vaccino anti-Covid: per tutti e gratis

Se ancora ce ne fosse bisogno, il Commissario per l’emergenza ha chiarito che il Sistema sanitario nazionale si sobbarcherà tutti i costi relativi al vaccino, dall’acquisto alla somministrazione. Il vaccino anti-Covid sarà completamente gratis per i cittadini. Come chiarito dal ministro Speranza nel corso del suo intervento al Senato e alla Camera dei Deputati, l’Italia ha opzionato oltre 202 milioni di dosi di vaccino, più che sufficienti per essere somministrato a tutta la popolazione e conservare dosi di scorta.

Il piano del Governo e del Comitato Tecnico-Scientifico, infatti, è di somministrare il medicinale a tutti coloro che si trovano sul territorio italiano (anche se al momento non è prevista l’obbligatorietà), inclusi i migranti. Inoltre, il vaccino verrà somministrato anche a chi ha già avuto il Covid, anche se probabilmente dovrà aspettare diversi mesi prima di potersi sottoporre alla cura. Secondo il Commissario Arcuri, infatti, chi è guarito dal SARS-CoV-2 riceverà il vaccino per ultimo.

Campagna vaccinale conclusa entro settembre 2021

Nel corso dell’intervista con Lucia Annunziata, il Commissario Arcuri ha anche fatto alcune valutazioni di carattere logistico e organizzativo. Confermato il ruolo chiave dell’hub di Pratica di Mare, dove verranno stoccate le dosi di vaccino destinate ai 1.500 punti di somministrazione individuati dal CTS e dal Governo.

Secondo Arcuri, se le aziende rispetteranno le date di consegne stabilite, a settembre 2021 la Campagna vaccini entrerà nel clou: entro il terzo trimestre del prossimo anno, infatti, dovrebbero esserci dosi a sufficienza per 60 milioni di cittadini.

L’unico motivo che potrebbe far saltare il piano è l’interferenza di qualche ente, che potrebbe causare ritardi nella distribuzione o nell’erogazione del medicinale. “C’è una sola ragione per la quale questo Piano possa andare male: che gli enti preposti non autorizzino una quantità di imprese sufficiente a mettere tutta la popolazione del mondo che lo vorrà nelle condizioni di essere vaccinata. Se ci saranno i vaccini faremo in modo che tutti gli italiani potranno vaccinarsi, nei tempi e nei modi che saranno consentiti”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino Covid, Arcuri: “Chi lo riceverà gratis”