Apple ha chiuso tutti i negozi in una città: perché e cosa succede ora

La società tecnologica sta chiudendo progressivamente i negozi negli Stati Uniti come misura di prevenzione

La Apple ha chiuso tutti i suoi negozi situati nella città di New York. La decisione ha coinvolto ben 11 punti vendita tra Manhattan, Brooklyn, il Bronx e Staten Island ed è una misura simile a quanto fatto in precedenza dall’azienda che ha sede a Cupertino, in California. In passato, tuttavia, i negozi avevano abbassato totalmente la serranda.

Ora invece l’ingresso dei clienti è proibito, ma sarà possibile per tutti i newyorkesi continuare a ordinare online e ritirare i prodotti fuori dai negozi, in base a quanto fa sapere il sito della compagnia.

Apple ha chiuso tutti i negozi a New York a causa della variante Omicron

Alla base della chiusura degli Apple Store di New York c’è il picco di casi di Covid nella città, che stanno aumentando vertiginosamente a causa della diffusione della variante Omicron. Non è ancora chiaro per quanto i negozi rimarranno chiusi al pubblico, ma la mela potrebbe decidere di prendere altre misure per evitare contagi tra i dipendenti e i clienti.

Apple ha chiuso tutti i negozi a New York: i precedenti e le altre misure

Già all’inizio del 2020 la Apple aveva chiuso tutti i negozi fisici negli Stati Uniti come misura preventiva di fronte alla prima ondata della pandemia di coronavirus oltreoceano. Dopo la riapertura la compagnia ha reso disponibile per tutti i clienti un’area di sanificazione e obbligatoria la mascherina, come già succede in tutte le attività in Italia.

L’obbligo di mascherina non è infatti attivo in tutte le aree degli Usa, ma la mela della tecnologia ha imposto il suo utilizzo da due settimane per tutte le persone che entrano negli store. Ai dipendenti della Apple vengono inoltre forniti su base settimanale dei tamponi gratuiti a cui sottoporsi a casa in autonomia.

All’inizio del mese di dicembre la big tech aveva già disposto la chiusura temporanea di diversi negozi ad Annapolis, Miami, Ontario e Ottawa a causa dell’aumento di casi positivi a Covid tra i dipendenti degli Apple Store, come spiegato qui.

Apple chiude i negozi a New York: il comunicato sulle misure anti Covid

“Controlliamo regolarmente la situazione e adotteremo nuove misure per la tutela dei nostri clienti e dei nostri dipendenti”, ha fatto sapere Apple in una nota pubblicata lunedì 27 dicembre.

“Rimaniamo fedeli a un approccio olistico per le nostre squadre, che comprende screening regolare con controlli sanitari quotidiani, l’uso obbligatorio delle mascherine, sanificazione costante e il pagamento dell’indennità di malattia per chi risulta positivo al virus”.

Le chiusure dei negozi di New York non peseranno certo sul bilancio dell’azienda. Qua quanto guadagna Apple al minuto e qui i guadagni miliardari del ceo Tim Cook, che ha preso il posto di Steve Jobs alla guida della mela.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Apple ha chiuso tutti i negozi in una città: perché e cosa succede o...