Alitalia, Ita pronta al decollo in autunno: cosa succede ai biglietti prenotati

Palazzo Chigi ha deciso che misura adottare per chi ha già acquistato un biglietto Alitalia e non potrà usufruirne entro ottobre, quando la compagnia di bandiera cesserà di esistere e sarà sostituita da Ita

Alitalia è pronta a cedere il passo a Ita, Italia Trasporto Aereo, la nuova compagnia aerea nazionale, che sarebbe pronta a partire già nel mese di ottobre 2021. Durante la cabina di regia che si è tenuta il 29 giugno a Palazzo Chigi, il Governo ha stabilito alcune misure in linea con le richieste di discontinuità avanzate dall’Unione Europea.

In primis sarebbe stato sciolto il nodo dei biglietti. Margrethe Vestager, commissaria europea per la Concorrenza, aveva infatti espresso il parere contrario dell’Ue per convertire i voli già prenotati con Alitalia in voli Ita.

Un trasferimento da una compagnia all’altra, aveva avvertito l’Europa, non avrebbe rispettato il principio di discontinuità economica tra le due società.

Ita pronta al decollo in autunno: perché si discute dei biglietti Alitalia

Al centro di questo punto fondamentale ci sono gli ultimi anni di Alitalia, quando, dopo l’affidamento dell’amministrazione straordinaria a commissari in parte appartenenti alla vecchia gestione e l’avvio delle procedure di cessione dell’azienda, lo Stato destinò aiuti per 1,3 miliardi di euro.

Quei fondi, suddivisi in 900 milioni di euro il primo anno e 400 milioni il secondo non furono subito notificati all’Unione Europea, con la Commissione che avviò un’indagine per verificare la legittimità della manovra dei cosiddetti prestiti ponte.

Senza una vera discontinuità economica tra Alitalia e Ita, l’eventuale risarcimento di quelle ingenti somme di denaro – più interessi – ricadrebbe proprio sulla newco.

Quello che sembrebbe solo un nodo che riguarda i viaggiatori, potrebbe avere dunque importanti ripercussioni anche sul bilancio della nuova società.

Secondo quanto deciso a Palazzo Chigi, per i biglietti Alitalia emessi ma non goduti dai consumatori dovrebbe essere creato un fondo ad hoc, con risorse economiche che consentiranno ai passeggeri con quale vettore viaggiare per non perdere i soldi già spesi e mai restituiti dalla compagnia di bandiera.

Ita pronta al decollo in autunno: nuovo vertice con l’Europa il 30 giugno

Il 30 giugno è previsto un incontro tra la commissaria Margrethe Vestager, il ministro dell’Economia Daniele Franco e il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, in cui i membri dell’esecutivo proporranno ufficialmente all’Europa le misure stabilite a Palazzo Chigi.

Tra queste dovrebbe essere sul tavolo anche un nuovo prestito ponte, di cui non è stata ancora resa nota l’entità, ma che servirà ad avviare la nuova società senza dipendere dai debiti Alitalia.

Rimarranno da sciogliere dunque i nodi sulle possibili alleanze internazionali, con Delta Air Lines, Air France o Lufthansa, e la durata del mandato dei commissari, che potrebbe essere esteso per garantire il passaggio degli asset tra Alitalia e Ita.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alitalia, Ita pronta al decollo in autunno: cosa succede ai biglietti ...