Banchi con le rotelle usati come autoscontro: ma è una fake news

Sul social TikTok è diventato virale il video che ritrae alcuni studenti usare in maniera impropria i banchi: ma si tratta di un post vecchio di tre anni

Il 14 settembre è iniziata la scuola in quasi tutta Italia, e contestualmente ha iniziato a circolare un video che ha come protagonisti dei ragazzi intenti a utilizzare i famosi banchi a rotelle come fossero macchinine dell’autoscontro, realizzando una delle tante ipotesi che da mesi venivano ironicamente formulate in rete.

Banchi con le rotelle, parla l’autore del video

Le immagini, pubblicate sul social TikTok, sono diventate virali dopo la condivisione del video da parte di Matteo Salvini prima e di alcuni quotidiani poi. Il leader della Lega ha accompagnato il video con l’hashtag #AzzolinaBocciata, criticando la ministra dell’Istruzione. In realtà, però, il video risale al 2017. A svelarlo è stato lo stesso autore, sempre su TikTok.

In effetti, i ragazzi protagonisti delle immagini non solo non mantengono il distanziamento, ma non indossano neppure la mascherina. Inoltre, indossano dei vestiti decisamente pesanti per le temperature di questo settembre molto caldo, con tanto di finestre chiuse.

L’altro aspetto rilevante, quindi, è che i banchi con le rotelle nelle scuole fossero già presenti, almeno in alcuni istituti, prima dell’emergenza coronavirus.

Primo giorno di scuola, la foto degli studenti in ginocchio

Oltre a questo video, in occasione del primo giorno di scuola è diventata virale anche una foto ritraente dei bambini in ginocchio in una scuola di Genova, perché senza banchi. Lo scatto è stato condiviso dal presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha accusato la ministra Azzolina di non aver inviato i banchi promessi.

Il dirigente scolastico dell’istituto, però, è intervenuto per spegnere ogni tipo di polemica: i nuovi banchi sono in arrivo, mentre quelli vecchi erano stati spostati per lasciare spazio ai festeggiamenti e ad altre attività per il primo giorno di scuola.

Sulla questione banchi è voluto intervenire anche Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi. Secondo lui ci sarebbe una eccessiva enfasi mediatica. Per quanto riguarda i banchi monoposto, ha spiegato, ne sono stati ordinati 2 milioni e 400 mila.

Nelle scuole in cui non sono stati ancora consegnati, la maggior parte, “il problema del distanziamento si pone. Allora ci sono almeno due soluzioni: togliere i banchi distanziando le sedie di almeno un metro l’una dall’altra oppure la disposizione cubana, per cui si prende un banco doppio e si mette un alunno sul lato lungo ad un estremo e un altro alunno sul lato corto all’altro estremo”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banchi con le rotelle usati come autoscontro: ma è una fake news