Tutti gli scioperi del mese di gennaio

Cosa aspettarsi con l'anno nuovo, in particolare per il trasporto pubblico e i relativi disagi

Anno nuovo e nuovi scioperi in vista. Tra crisi aziendali e mancati rinnovi dei contratti di lavoro, il 2020 sarà un anno segnato dalle agitazioni dei lavoratori e si inizia già nel mese di gennaio, pochi giorni dopo la fine delle festività. È bene dunque farsi trovare preparati, soprattutto quando si tratta di scioperi del trasporto pubblico.

I primi scioperi del nuovo anno, infatti, colpiranno i viaggiatori e in particolare quelli del trasporto aereo. Si inizia l’11 gennaio con lo stop di 4 ore del personale viaggiante di Volotea aderente al sindacato Uiltrasporti.

Per il 14 gennaio è stato indetto lo sciopero di 24 ore, dalle sigle sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-Ta, Anpac, Anpav, per i lavoratori di Air Italy. Nello stesso giorno si asterranno dal lavoro, ma solo per 4 ore, i lavoratori di EasyJet aderenti alle sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl. Sempre per 4 ore sciopereranno i lavoratori di Albastar, Ernest Airlines e Volotea di Uiltrasporti.

Si fermeranno per 4 ore, il 14 gennaio, i lavoratori della società Consulta negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino aderenti alle sigle sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl. Nello stesso giorno sciopereranno anche i dipendenti dell’Enav, con un’astensione dal lavoro di 8 ore a Roma per gli aderenti a Filt Cgil e di 24 ore per quelli di Ugl e Assivolo Quadri. Mentre Unica ha previsto 24 ore di sospensione assistenza ai sorvoli, con esclusione di quelli connessi ai voli garantiti.

Non è previsto al momento alcuno sciopero dei lavoratori di Alitalia, dopo l’accordo, concluso poco prima di Natale, tra i sindacati e l’azienda in amministrazione straordinaria per la proroga della cassa integrazione straordinaria per tre mesi, fino a marzo. La proroga riguarda 1.020 dipendenti Alitalia, di cui 70 comandanti, 310 assistenti di volo e 640 addetti di terra. Un numero che comunque è inferiore a quello dei dipendenti, 1.075, interessati dalla procedura in corso e che scade a fine anno.

In attesa che si trovi una soluzione sulla salvezza di Alitalia, con il decreto sulla compagnia aerea atteso per la discussione in aula alla Camera il 13 gennaio, non è detto che i lavoratori non possano indire un nuovo sciopero.

Riguardo la trasporto pubblico locale, il 7 gennaio si fermerà per 24 ore il personale di Soc. Coop. Progetto Lavoro presso le biglietterie TPER di Bologna, aderente a Usb lavoro privato; l’8 gennaio sciopereranno per 23 ore i lavoratori di Trenord in Lombardia, aderenti a Orsa Ferrovie.

Un altro settore economico importante che sciopererà il prossimo mese è quello delle telecomunicazioni. Il 27 gennaio, si asterranno dal lavoro i dipendenti di Wind Tre aderenti alle sigle Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom e Ugl. Nello stesso giorno a Telecom Italia, su iniziativa dello Snater, i lavoratori sciopereranno a fine turno, con il blocco degli straordinari.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutti gli scioperi del mese di gennaio