Tessera sanitaria, emissione più veloce: ecco cosa cambia

Diminuisce l'attesa per il rilascio della tessera sanitaria: la produzione adesso è più rapida

Tempi più rapidi per la tessera sanitaria. Nel 2018, fa sapere l’Agenzia delle Entrate con un comunicato, i tempi di lavorazione sono stati tagliati del 10%.

L’ITER – Ricevuta la richiesta del cittadino, la “macchina” si mette in moto entro 24 ore. Il processo di lavorazione dura circa otto giorni, contro i dieci necessari in passato, e si conclude, per l’Agenzia delle entrate, con la consegna alla società incaricata della distribuzione, fase che richiede almeno dieci giorni.

TESSERE NEONATI – Particolare attenzione è rivolta all’iter relativo alle tessere destinate ai neonati, utili poi per l’assistenza sanitaria e pediatrica del Sistema sanitario nazionale.

Dal 2015 a giugno 2018 l’Agenzia ha emesso 1,5 milioni di tessere per neonati: nel dettaglio 450mila nel 2015, 438.910 nel 2016, 425.744 nell’anno successivo, mentre nei primi mesi di quest’anno ne sono già state emesse circa 232mila (con un +9% tendenziale).

Ai neonati, dopo l’attribuzione del codice fiscale da parte del Comune o di un ufficio dell’Agenzia delle entrate, viene inviata automaticamente una tessera sanitaria valida per un anno. Alla sua scadenza, acquisiti i dati di assistenza sanitaria dalla Asl competente, arriverà una nuova tessera con scadenza standard ovvero a sei anni.

Chi non ha ancora ricevuto il tesserino può rivolgersi alla propria Azienda sanitaria locale di appartenenza, mentre per richiedere il codice fiscale basta recarsi in qualunque ufficio delle Entrate.

Leggi anche:
Tessera sanitaria, aggiunte nuove funzioni. Cosa si può fare
Codice fiscale e tessera sanitaria: uso, funzioni, servizi

Tessera sanitaria, emissione più veloce: ecco cosa cambia