Scuola, cosa è stato deciso sul ritorno in presenza

Cosa prevede al bozza del Piano scuola per il rientro tra i banchi nell'anno 2020-21

Nuovi dettagli sulla riapertura delle scuole arrivano dalla bozza del Piano scuola 2021-22 e dal question time, in cui a parlare è stato il ministro della Salute Roberto Speranza. Che il governo consideri una priorità il ritorno degli alunni tra i banchi di scuola degli istituti scolastici, non è un mistero. Altrettanto noti, i nodi da sciogliere: a cominciare da un ritorno in sicurezza nelle aule che potrebbe essere compromesso dai 200mila docenti non vaccinati, per i quali, in passato, si era ventilato l’obbligo di vaccinazione. Il Piano si limita a raccomandare fortemente l’inoculazione, in modo da arrivare protetti all’appuntamento con l’inizio delle lezioni.

Vediamo quali novità prevede il Piano scuola 2021-22, ancora da presentare alle regioni ma già messo nero su bianco.

Quali novità prevede il Piano scuola 2021-22

Il Piano parla, tra le altre cose, delle norme di sicurezza negli istituti scolastici riguardanti mense, sanificazioni, casi di positività.

Alle mense, non sarà obbligatorio l’utilizzo di stoviglie monouso, mentre per gli operatori è previsto l’obbligo di indossare la mascherina. La sanificazione, qualora si dovessero riscontrare casi di malattia da Covid a scuola, potrà essere effettuata dal personale scolastico addetto alla sanificazione ordinaria.

Nel caso in cui, invece, venissero trovati casi di positività tra gli alunni o tra i docenti, sarà necessario effettuare la sanificazione, a meno che non sia trascorsa una settimana dal transito della persona malata di Covid nell’istituto scolastico in questione.

Screening e mascherine, sono necessari?

Gli screening non sono necessari, esattamente come è successo per l’anno scolastico concluso nel 2021. La bozza del Piano infatti esclude test diagnostici o screening preliminari all’accesso a scuola. Per quanto riguarda invece le mascherine, nel testo se ne rintraccia l’obbligo qualora non possa essere rispettato il distanziamento. Le mascherine dovranno essere di tipo chirurgico o di comunità. La regola sui dispositivi di protezione non vale tuttavia per i bambini con meno di 6 anni.

Sull’obbligatorietà dei vaccini nelle aule scolastiche è arrivata anche la proposta dei presidi: qui cosa vogliono i direttori didattici. Un’altra ipotesi allo studio dell’esecutivo riguarda l’obbligatorietà del Green Pass per andare a lezione: qui tutto quello che c’è da sapere sulla norma che fa perno sul certificato verde di avvenuta vaccinazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, cosa è stato deciso sul ritorno in presenza