Sciopero trasporti, mercoledì di passione per chi viaggia: i dettagli

Venerdì 26 luglio tocca al trasporto aereo

Settimana nera per migliaia di viaggiatori in un periodo, quello estivo, caldissimo sul fronte degli spostamenti. 
Nessuna marcia indietro: non è arrivata la fumata bianca al termine dell’incontro di ieri al ministero dei Trasporti, seguito dall’appello del Garante degli scioperi: lo sciopero generale dei trasporti (da bus e metro a treni e traghetti) di oggi mercoledì 24 luglio e del trasporto aereo (4 ore) di venerdì 26 luglio sono confermati.

Nonostante l’appello del Ministro Toninelli che ha chiesto di rinviare l’agitazione alla luce di quanto successo lo scorso 22 luglio alla rete ferroviaria bloccata per ore dopo l’incendio doloso nei pressi della stazione di Rovezzano, alla periferia di Firenze, i sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno tirato dritto confermando lo stop che si articolerà con modalità e fasce orarie diverse da città a città oggi mercoledì 24 luglio, mentre sarà dalle 10 alle 14 venerdì per il settore aereo.

L’unica modifica riguarda lo sciopero di Alitalia, originariamente di 24 ore che con un’ordinanza del ministero è stata ridotta a 4 ore.

Le sigle sindacali hanno però accolto la proposta di un tavolo che apra il confronto sulle problematiche e sulla mancanza di regole su concorrenza e dumping contrattuale, per scongiurare ulteriori scioperi.

In particolare, oggi mercoledì 24 possibili disagi nelle città, con lo stop del trasporto pubblico locale, che avrà modalità locali e fasce di garanzia: ad esempio a Milano, Torino e Firenze bus e metro a rischio dalle 18 alle 22, a Roma dalle 12.30 alle 16.30, a Bologna dalle 11 alle 15, a Napoli dalle 9 alle 13. Possibili disagi anche per chi si sposta in auto: nelle autostrade lo stop il 24 scatterà nelle ultime 4 ore del turno per il personale addetto agli impianti, alla sala radio e alla viabilità, mentre per un intero turno per il restante personale (tra cui anche gli addetti ai caselli).

Nel trasporto ferroviario sarà di 8 ore dalle 9.01 alle 17.01. Stop mezzo turno per ogni turno nel settore degli appalti delle attività di supporto al trasporto ferroviario. Trenitalia però assicura che le Frecce circoleranno regolarmente e saranno garantiti i collegamenti regionali nelle fasce pendolari, con possibili leggere modifiche al programma dei treni. Inoltre sarà assicurato il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino. Per informazioni e assistenza, è possibile consultare il sito web o chiamare il numero verde gratuito 800 89 20 21.

Nel trasporto marittimo lo sciopero, sempre il 24, mette a rischio i traghetti e le navi da carico nell’arco dell’intera giornata, ma saranno garantiti le linee ed i servizi essenziali.

Fermi il 24 anche gli addetti all’autonoleggio, sosta e soccorso stradale (per 4 ore), i taxi (per un intero turno), il personale Anas, e anche gli addetti ai servizi di trasporto funerario (per l’intera giornata).

STOP ALITALIA DEL 26 LUGLIO RIDOTTO A 4 ORE – Venerdì 26 luglio tocca al trasporto aereo. “Per contemperare il rispetto del diritto allo sciopero con la garanzia dei servizi per i cittadini in un periodo così particolare”, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emesso un’ordinanza di riduzione dell’orario di sciopero del trasporto aereo di Alitalia per venerdì 26 luglio a 4 ore di astensione dal lavoro rispetto alle 24 ore confermate dai sindacati. Lo si legge in una nota del Mit.

Sciopero trasporti, mercoledì di passione per chi viaggia: i det...