Saldi invernali 2020, attenzione alle truffe: cosa fare per evitarle

Come evitare le brutte sorprese negli acquisti online durante la stagione dei saldi invernali

Con l’arrivo dei saldi invernali è caccia all’affare. Non solo nei negozi fisici, ma anche in quelli online. In quest’ultimo caso, tuttavia, si è maggiormente esposti al rischio di truffe, perché se la merce pagata non viene consegnata o è difforme da quella ordinata può essere molto difficile farsi rimborsare oppure ottenere ciò che si era effettivamente acquistato.

Per evitare le brutte sorprese, la Polizia Postale ha pubblicato un vademecum rivolto a chi fa acquisti online durante i saldi invernali, con consigli utili e alcune semplici regole da seguire. Una guida da salvare e conservare come promemoria per tutti gli acquisti sul web, non solo in tempo di saldi.

Innanzitutto è bene prendere degli accorgimenti tecnici e utilizzare sul proprio computer software e browser completi e aggiornati. Un sistema operativo e un browser aggiornato consentono di navigare su internet in sicurezza. È indispensabile avere un buon antivirus, gratuito o a pagamento, sempre aggiornato all’ultima versione disponibile. Gli antivirus più recenti, poi, proteggono anche negli acquisti online.

Quando si decide di fare shopping sul internet è bene scegliere un sito web conosciuto, ufficiale e certificato. Sarà più difficile, infatti, essere truffati sul portale di un grande marchio. I negozi online di aziende famose, poi, oltre ad avere sistemi sicuri per i pagamenti, forniscono assistenza alla vendita, con tracciabilità degli ordini e possibilità di rimborsi o restituzione della merce. Nel caso dei siti poco conosciuti si può verificare la presenza di certificati di sicurezza quali TRUST e VERIFIED / VeriSign Trusted che permettono di controllare l’affidabilità del sito web.

Inoltre, è importante che un negozio online abbia gli stessi riferimenti di un negozio fisico: indirizzo della sede, numero di telefono e mail per i contatti, numero di Partita Iva. Un negozio online che non pubblica queste informazioni probabilmente non vuole essere rintracciabile e potrebbe nascondere qualcosa. In questi casi è meglio stare alla larga.

Un aiuto importante sono i commenti e feedback di altri acquirenti pubblicati sul negozio online. Certo, non fanno testo al 100%, perché le lamentele pretestuose possono sempre verificarsi, ma quando i giudizi negativi sono la stragrande maggioranza oppure ci sono vere e proprie segnalazioni di truffa, allora è bene evitare quel sito. Una rapida occhiata sui motori di ricerca, sui forum dedicati e sui social potrà dare informazioni utili in tempi rapidi. Le “voci” su un sito truffaldino, infatti, circolano velocemente.

Per chi fa acquisti con smartphone e tablet è consigliabile usare le app ufficiali dei negozi online. Così si evitano i rischi di finire su siti web truffaldini o siti clone che potrebbero rubare i dati finanziari e personali inseriti dagli utenti nel form per completare l’acquisto.

Per una maggiore sicurezza, si consiglia di usare carte ricaricabili. In ogni caso, va ricordato che al momento della transazione, occorre dare al venditore pochi dati, come il numero di carta e il nome dell’intestatario, la data di scadenza della carta, l’indirizzo dove spedire la merce e un numero di telefono per essere rintracciati in caso di problemi.

Il venditore, invece, non deve mai chiedere pin o password della carta o del conto. Si tratta di informazioni personali che non bisogna assolutamente divulgare. Al momento di concludere l’acquisto, poi, è bene verificare che la pagina web sulla quale si immettono i propri dati sia dotata di un protocollo di sicurezza, in modo tale che i dati inviati vengano criptati. In questo caso, comparirà un lucchetto chiuso in fondo alla pagina o “https” nella barra degli indirizzi.

Attenzione alle reti di phishing o smishing. Sono trappole inviate con finte mail ufficiali, con cui si chiede l’invio di dati personali o di cliccare su un link che conduce a una pagina web truffaldina. Si tratta di modi sempre più diffusi, e purtroppo efficaci, con cui vengono sottratti agli utenti dati personali come password e numeri di carte di credito. Queste mail esca arrivano da indirizzi fasulli che imitano quelli di siti ufficiali. È bene prestare molta attenzione.

Controllare gli annunci: uno ben strutturato è più affidabile di uno troppo breve o con poche informazioni. In caso, può essere utile chiedere al venditore di fornire maggiori informazioni oppure ricercarle in rete.

Infine, bisogna sospettare sempre di offerte troppo convenienti. Se il prodotto che si vuole acquistare è messo in vendita a un prezzo di gran lunga inferiore a quello di mercato può nascondere una truffa. Può trattarsi di un falso o può essere offerto un prodotto diverso da quello che poi sarà consegnato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Saldi invernali 2020, attenzione alle truffe: cosa fare per evita...