Ora legale addio? Il Parlamento Ue chiede di abolirla

Una risoluzione con la quale si chiede alla Commissione europea di cancellare

In giornata al Parlamento europeo di Strasburgo verrà votata una risoluzione che chiede l’abolizione dell’ora legale. Secondo gli eurodeputati promotori dell’iniziativa, Il cambio di orario due volte l’anno, a ottobre e a marzo, oltre che essere “scomodo”, può provocare anche “danni sulla salute dei cittadini”.

La risoluzione, che porta la firma di Karima Delli, deputata francese del gruppo Ale e presidente della Commissione per i Trasposti e il Turismo, nasce in considerazione di “numerosi studi scientifici, tra cui lo studio dei Servizi di ricerca del Parlamento europeo, dell’ottobre 2017, sulle disposizioni dell’Ue relative all’ora legale a norma della direttiva 2000/84/CE” che “non sono riusciti a dimostrare alcun effetto positivo del cambiamento semestrale dell’ora”.

“Al contrario – si legge nel testo – hanno segnalato l’esistenza di effetti negativi sulla salute umana, l’agricoltura e la sicurezza della circolazione stradale”. Inoltre, “diverse iniziative dei cittadini hanno evidenziato le preoccupazioni esistenti quanto al cambiamento semestrale dell’ora”.

Il testo presentato dai parlamentari, per la maggior parte provenienti da Paesi del Nord e dell’Est Europa, invita Bruxelles a “formulare, se necessario, una proposta di revisione” della stessa direttiva. L’obiettivo finale dei promotori — membri dell’Intergruppo “Fine del cambio biannuale d’ora” — è quello di abolire il cambio orario e cancellare l’ora legale, mantenendo solo quella solare.

Il voto della Plenaria non sarà decisivo. L’ultima parola, sul tema, spetta alla Commissione Ue.

Leggi anche:
Obsolescenza programmata: cos’è e come combatterla
Dal 2018 WhatsApp non sarà più disponibile su questi smartphone
I nostri dati sensibili alle aziende senza consenso. Lo dice l’Ue
Glifosato: la UE conferma per 5 anni il diserbante (forse) cancerogeno

Ora legale addio? Il Parlamento Ue chiede di abolirla