Nuova truffa: attenzione a chi vi chiede dati in cambio di un rimborso telefonico

In questi giorni sta circolando una nuova truffa. Si tratta di una falsa mail inviata da TIM in cui si parla di un rimborso sulla bolletta e si invita a cliccare un link

Dati personali in cambio di un rimborso sulla bolletta del telefono. Funziona così la nuova truffa che coinvolge l’azienda TIM e che sta circolando ormai da diversi mesi. Qualche tempo fa era stata segnalata alle autorità e bloccata, ma in questi giorni ha ripreso a comparire nella casella di posta di moltissime persone.

La truffa relativa al rimborso A8005W di 37 euro, è arrivata tramite mail a moltissimi utenti. Il messaggio recita così: “Gentile cliente, abbiamo notato che hai pagato la bolletta nello stesso tempo due volte. Importo: 37 euro, Riferimento: TIM-A8005W. Per confermare il rimborso, fare clic sul seguente link: ‘http://rimborso.tim.it’. Ti aspettiamo presto su http://www.tim.it. Grazie da TIM, MyTIM”.

Un italiano non proprio corretto è il primo indizio che potrebbe far pensare ad una truffa, ma molte persone, purtroppo, allettate all’idea di ricevere un rimborso, hanno comunque cliccato sul link. La mail infatti non è altro che l’ennesimo tentativo di sottrarre dati personali agli utenti che navigano sul web per sfruttarli per fini commerciali e rivenderli.

Si tratta di una metodologia di truffa che è stata usata già molte volte in passato e segnalata dalle autorità competenti, ma che continua comunque a circolare nella Rete. Cosa fare? Per prima cosa è importante proteggersi leggendo sempre con attenzione l’oggetto della mail e il suo contenuto. In secondo luogo si sconsiglia di cliccare sul link presenti nel messaggio o rispondere. Meglio invece informare le autorità competenti e contattare direttamente la TIM tramite il servizio clienti.

Le compagnie non utilizzano mai questo sistema per comunicare con i clienti, tantomeno per fornire dei rimborsi a meno che non sia stato espressamente richiesto dall’utente. La società TIM infatti ha già chiarito di non avere nulla a che fare con il fantomatico messaggio. Dunque l’unico modo per evitare problemi è cestinare la mail e in caso segnalarla come spam.

Nuova truffa: attenzione a chi vi chiede dati in cambio di un rimborso...