Maturità 2018: tutto ciò che sappiamo sulle commissioni esterne

È stata decisa la data per la pubblicazione dei nominativi delle commissioni esterne per la Maturità 2018

Ormai si sta entrando nel vivo degli Esami di Stato: siamo alla fine dell’anno scolastico ed inevitabilmente il pensiero di molti studenti e insegnanti corre alla Maturità.

È stata decisa la data per la pubblicazione dei tabulati relativi agli insegnati designati come commissari esterni e Presidenti di commissione per gli esami di Stato della secondaria di II grado. La data è il 4 giugno, giorno in cui verranno diffusi gli esiti. I docenti che non possono accettare la nomina per motivi personali, dovranno subito comunicarlo al dirigente scolastico. In questo modo potranno partire le azioni necessarie per la sostituzione. Scattano quindi le domande di messa a disposizione.

I tabulati, pubblicati il 4 giugno, saranno consultabili sul sito dell’Ufficio Scolastico, ma attraverso il SIDI la Segreteria della scuola potrà controllare il nome di ciascun insegnante. La nomina verrà quindi fatta avere all’interessato dalla scuola dove presterà servizio e l’insegnante la porterà con sè il giorno dell’insediamento della commissione, già indicato come il 18 giugno 2018.

Se ci fosse un impedimento a ricoprire l’incarico da parte dei commissari esterni durante gli esami, è necessario comunicarlo subito al proprio dirigente scolastico, che disporrà accertamenti riguardo i motivi addotti come giustificazione. Bisognerà comunicarlo anche al Direttore generale competente o al dirigente preposto all’Ufficio Scolastico Regionale. Da qui verrà avviata la pratica immediata per la sostituzione del docente.

È necessario che i dirigenti scolastici e i docenti producano la documentazione comprovante i motivi dell’impedimento e la consegnino al Direttore generale o al dirigente preposto all’Ufficio Scolastico Regionale e al proprio dirigente scolastico, entro tre giorni dall’insorgenza dell’impedimento. Intanto i docenti precari che non hanno avuto l’obbligo o che non si sono avvalsi della possibilità di presentare domanda per gli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado per l’anno scolastico 2017/2018, possono fare domanda di messa a disposizione per sostituire i commissari che, dopo la nomina, saranno impossibilitati a partecipare, rinunciatari o assenti. Gli Uffici Scolastici possiedono appositi modelli per fare domanda e li pubblicheranno per i docenti interessati.

Per fare domanda, è necessario avere la laurea specialistica/magistrale o una laurea di vecchio ordinamento, comprensiva dei CFU necessari per accedere all’insegnamento: non occorre essere abilitati, anche se ovviamente l’abilitazione costituisce titolo di preferenza. In più, è possibile inoltrare le domande a più Uffici provinciali.

Maturità 2018: tutto ciò che sappiamo sulle commissioni esterne