ISEE 2018: convenzione tra i CAF e l’INPS per la certificazione

Certificazione ISEE 2018: stipulata una convenzione tra l’INPS e i Centri di Assistenza Fiscale

L’INPS ha reso noto l’adozione di uno schema di convenzione tra lo stesso Istituto e i CAF, per quanto riguarda la certificazione ISEE dell’anno 2018.

Introdotto con il D.lgs n. 109/98 e riformato a partire dal 1° gennaio 2015, l’ISE/ISEE consente una valutazione della condizione economica familiare, permettendo così alle amministrazioni di assegnare agevolazioni tariffarie a chi ne fa richiesta, secondo determinati parametri. Al momento, è dunque lo strumento principale per poter accedere alle prestazioni agevolate.

L’ISE, ovvero l’indicatore della situazione economica, è il parametro che va a determinare la situazione economica di un nucleo familiare ed è frutto della somma dei redditi più il 20% del patrimonio immobiliare e mobiliare dell’intero nucleo familiare. L’ISEE, ovvero l’indicatore della situazione economica equivalente, è invece il rapporto tra ISE e il parametro tratto dalla Scala di Equivalenza. Questo varia sulla base del numero e della qualità dei componenti che fanno parte del nucleo familiare. Ai parametri, tratti dalla Scala di Equivalenza e stabiliti per legge, possono essere aggiunte anche delle maggiorazioni.

Con lo schema di convenzione adottato, come si legge dal messaggio del 25 giugno 2018, ogni Centro di Assistenza Fiscale in possesso dei requisiti indicati, può stipulare con firma digitale, una convenzione con l’INPS secondo lo schema che ha validità sino al 31 dicembre del 2018. Per farlo, è necessario che la parte privata versi l’imposta di bollo in modalità elettronica.

Cosa bisogna fare per stipulare una convenzione con l’INPS? I CAF Interessati possono rivolgersi alla Direzione centrale Organizzazione e Sistemi informativi – Area Sviluppo dei processi di integrazione e sinergia e procedimentalizzazione delle convenzioni con soggetti privati e professionisti, scrivendo all’inidirizzo mail Convenzioni.CAF@inps.it. I pagamenti relativi ai servizi resi dai CAF sono di gestione della Direzione Centrale Ammortizzatori sociali.

Inoltre, come riporta il messaggio rilasciato dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, “i soggetti convenzionati dovranno trasmettere le fatture, esclusivamente in formato elettronico, attraverso il Sistema di Interscambio (SDI). La fattura elettronica dovrà riportare il codice univoco UF5HHG ed essere compilata secondo le indicazioni del documento ‘Convenzioni Contratti Riferimento Amministrazione’ presente nella pagina ‘Istruzioni ed esempi per la compilazione’”.

ISEE 2018: convenzione tra i CAF e l’INPS per la certificaz...