Intesa Sanpaolo, app e home banking down: cosa sta accadendo

Molti utenti segnalano l'impossibilità di entrare nei propri account online da home banking o app: cosa succede

Sono numerosi gli utenti che in queste ore hanno segnalato un malfunzionamento del servizio di home banking e dell’app per smartphone di Intesa Sanpaolo. Il problema è stato registrato a partire dalle ore 10 di lunedì 1 giugno. I clienti della banca che tentano di accedere ai suoi servizi online, infatti, stanno riscontrando non poche difficoltà nella procedura di login.

Cosa sta succedendo?

In altre parole, chi prova a loggarsi nel proprio account personale da home banking viene avvisato del malfunzionamento tramite un messaggio che segnala un “errore tecnico” e chiede di “riprovare più tardi”. Sull’app per smartphone, invece, compare il seguente avviso: “Ci scusiamo, ma, per un problema tecnico, non puoi proseguire. Per favore, riprova più tardi”. Nessuna ulteriore spiegazione viene fornita in merito. Il risultato è che i clienti non riescono ad accedere ai propri conti e quindi non possono effettuare le operazioni bancarie di cui hanno bisogno.

Come indicato dal sito downdetector.it, le segnalazioni da parte di clienti in difficoltà per il “bug” sono diverse, e la descrizione del problema è sempre la stessa: l’impossibilità, appunto, di entrare nel proprio conto attraverso i sistemi online forniti dalla banca. Per ora, non si conoscono ancora le cause del disservizio, su cui i tecnici di Intesa Sanpaolo staranno verosimilmente lavorando.

Il maxi-piano di fusione con Ubi Banca

Intesa Sanpaolo è assurta all’onore delle cronache finanziarie nelle scorse settimane per via del maxi-piano di fusione con Ubi Banca relativo all’offerta pubblica di acquisto lanciata da Ca’ de Sass sull’ex popolare. Nelle scorse ore, Intesa Sanpaolo ha comunicato alcuni dei suoi progetti in merito. Tra questi, attenzione al territorio con 30 miliardi di nuovo credito nel triennio 2021-2023, raddoppio degli investimenti nel sociale e assunzione di 2.500 giovani.

In particolare, sempre nell’ambito dell’offerta pubblica di scambio di febbraio, Intesa Sanpaolo ha previsto di creare quattro nuove direzioni regionali a Bari, Cuneo, Bergamo e Brescia. Ciascuna di esse potrà contare su una rete di circa 300-400 filiali. Usufruirà, inoltre, di un incremento di erogazione di nuovo credito per oltre 10 miliardi l’anno, per un totale di 30 miliardi tra il 2021 e il 2023.

Secondo le previsioni del gruppo, tale impegno comporterà un raddoppiamento degli interventi sociali e di sostenibilità sul territorio e in un piano di assunzioni di 2.500 giovani. Per il Ceo e consigliere delegato, Carlo Messina, “la nostra proposta nei confronti degli azionisti di Ubi acquisisce maggiore valenza strategica e rappresenta una prospettiva ancor più rilevante”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Intesa Sanpaolo, app e home banking down: cosa sta accadendo