Intesa San Paolo: cosa cambia dal 4 giugno per i servizi di home banking. Chiavetta non più attiva

La chiavetta O-Key non sarà più attiva dal mese prossimo: cosa cambierà

Cambiamenti in atto per i clienti della banca Intesa San Paolo: fra qualche giorno non potrà essere più utilizzata la storica chiavetta O-Key.

L’avviso era stato comunicato già diversi mesi fa a tutti clienti, in vista anche dell’iniziale termine entro cui poteva essere utilizzata la chiavetta e che era stato fissato al 4 maggio. Banca Intesa ha poi deciso di prorogare la scadenza al 4 giugno, concedendo un ulteriore mese di tempo ai propri affezionati clienti.

Addio dunque alla chiavetta di plastica dal caratteristico color verde scuro, che consentiva di accedere online ai propri dati e ai movimenti bancari in ulteriore sicurezza. La chiavetta rilasciava infatti un codice generato al momento e richiesto per consentire l’accesso all’utente.

La storica chiavetta va in pensione per effetto dell’entrata in vigore della nuova normativa europea PSD2 (Payment Services Direct 2), ovvero la direttiva europea per la regolamentazione dei pagamenti, inclusi quelli digitali.

Chiavetta O-Key Intesa San Paolo non più attiva: cosa bisogna fare

A partire dal 5 giugno quindi, bisognerà scegliere tra l’opzione O-Key Smart o O-Key SMS. Quest’ultimo servizio viene fornito a pagamento ed è rivolto a coloro che non sono in possesso di un telefonino di ultima generazione. Il costo previsto per la sua attivazione è di 10€, da versare annualmente a cui si aggiunge il costo di ciascun SMS che segue il tariffario del proprio operatore telefonico.

Diversamente, il servizio O-Key Smart è gratuito. Per attivarlo è necessario scaricare l’App Intesa San Paolo Mobile e attivare O-Key Smart seguendo le indicazioni fornite. Una volta effettuata l’attivazione, i clienti potranno accedere ai propri dati e movimenti bancari collegandosi direttamente dall’app e dove verrà richiesto semplicemente l’inserimento del pin (appunto il codice fornito dalla chiavetta di plastica non ci sarà più).

Stessa cosa anche per chi si collega da un computer: in questo caso sarà necessario avere accanto il proprio telefonino e accedere all’app della banca. Digitando semplicemente il proprio pin, il cliente avrà sotto mano i propri dati, potrà effettuare bonifici e pagamenti.

Chi invece accede allo smartphone tramite impronta digitale, può non digitare il codice. In caso di difficoltà o se non si ha praticità con app e smartphone, ci si può rivolgere alla propria filiale di riferimento.

Intesa San Paolo: cosa cambia dal 4 giugno per i servizi di home banki...