Gran Bretagna: crisi letto in ospedale, ecco Airbnb

Residenti possono affittare camere a pazienti in ripresa

Contro il problema persistente della penuria di posti letto il servizio sanitario inglese (Nhs) ricorre a misure estreme. E’ stato lanciato nell’Essex – riporta l’ANSA – un progetto pilota in cui l’ospedale della Southend University offre ai propri pazienti in via di ripresa di essere ospitati presso residenti che affittano le loro camere in stile ‘Airbnb’, il sito noto per trasformare persone qualunque in albergatori.

La sperimentazione, che in caso di successo potrà essere estesa anche ad altri centri ospedalieri del Paese, riguarda inizialmente 5-10 cittadini dell’Essex che potranno ricevere 30 pazienti.

Gli ospitanti possono guadagnare fino a 50 sterline a notte e mille al mese per camere con bagno. Non devono avere una precedente esperienza nel settore sanitario ma semplicemente superare un esame con alcuni requisiti base. Devono fornire ai pazienti da bere e mangiare – sono previsti tre pasti al giorno riscaldabili col microonde – fare un corso di preparazione e hanno a disposizione una linea telefonica per emergenze.

Leggi anche:
“Tassa Airbnb va pagata”. Locazioni brevi, le regole
Affitti brevi: da ottobre la tassa Airbnb
Ue, in arrivo la web tax: stretta contro Google e Amazon
Quali sono le spese che attirano le attenzioni del Fisco
Controlli: il Fisco molla la presa sui conti correnti

Gran Bretagna: crisi letto in ospedale, ecco Airbnb