Farmacie solidali: cosa sono e come funzionano

Cosa sono e come funzionano le farmacie solidali? Ecco tutte le informazioni a riguardo

Ecco un’iniziativa innovativa e pensata per chi, le medicine non può permettersele.

Sono le farmacie solidali, nate con lo slogan “Abbiamo cura di loro” che pur nel suo essere coinciso, esprime perfettamente il senso di questo progetto. Arrivano in Italia per una prima fase di sperimentazione che durerà circa un anno: in questo lasso di tempo verranno distribuiti gratuitamente medicinali a migranti e a chi ne ha bisogno. A Roma, Piazza San Pietro e a Tor Bella Monaca, verranno installati dei punti di distribuzione con personale medico a seguito tra cui infermieri, psicologi e 30 volontari.

L’acquisto di medicinali richiede dei costi che a volte possono essere anche alti. Non tutti possono permettersi di far fronte a queste spese, al punto che per alcuni, diventa difficile affrontare le cure secondo le indicazioni mediche. Di conseguenza, possono diffondersi malattie legate alle mancate cure o alla povertà. A tal proposito, parlano chiaro i dati dell’Osservatorio donazione farmaci della Fondazione banco Farmaceutico Onlus, registrati tra il 2013 e il 2017 e riportati dal “Sole 24 Ore”: è stato riscontrato un aumento della richiesta di medicinali da parte degli enti assistenziali pari al 27,4%. E la causa sarebbe proprio l’incremento del numero di poveri a cui prestano assistenza.

Un’iniziativa, quella delle farmacie solidali, che oltre a fornire un sostegno concreto a chi non può permettersi l’acquisto di farmaci di cui necessita, si pone come obiettivo anche quello di evitare lo spreco di farmaci.

Le farmacie vogliono essere non solo sostenibili, ma anche solidali: “Sono troppi i cittadini, italiani e stranieri, che hanno rinunciato alle cure o alle prestazioni mediche per problemi di reddito – spiega Enrique Häusermann, presidente Assogenerici (un’associazione che si fa portavoce dei produttori di farmaci generici). Con le nostre aziende siamo stati paladini della sostenibilità, consentendo al Sistema Sanitario Nazionale di fare un gradino in più”.

Come funzionano le farmacie solidali? Ciascuna di esse, avrà un proprio banco farmaceutico. Qui, i farmacisti volontari distribuiranno i farmaci solo sotto prescrizione medica rilasciata da uno degli ambulatori solidali.

Ideato dall’Istituto di medicina solidale onlus, il progetto vede anche la collaborazione dell’Università e del Policlinico di Roma Tor Vergata, che attualmente gestisce alcuni ambulatori di strada nella capitale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Farmacie solidali: cosa sono e come funzionano