Fase 3, rinviata l’apertura delle discoteche: stop prolungato di un mese

Il nuovo DPCM firmato dal Premier Conte modifica le date di riapertura di discoteche e calcetto. Ecco le novità

Giro… di valzer sulla riapertura delle discoteche. Secondo le indiscrezioni che arrivano da Palazzo Chigi, all’interno di un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di prossima pubblicazione (questione di ore) è previsto il rinvio dell’apertura delle discoteche, inizialmente in calendario a partire dal prossimo 15 giugno.

Invece, se le anticipazioni corrispondono a realtà, gli amanti delle piste da ballo potrebbero dover aspettare un altro mese prima di poter tornare a scatenarsi. Differente, invece, la questione per le sale bingo e sale slot: confermata l’apertura del 15 giugno, ma a patto che le Regioni verifichino che l’attività non contrasti con l’andamento della curva epidemiologica. Ossia, in caso di pericolo potranno essere richiuse in un qualsiasi momento dall’amministrazione regionale o da quella provinciale (in caso di Provincia Autonoma).

Discoteche e crociere, stop fino al 14 luglio

Come accennato, lo scenario per i gestori delle discoteche è completamente mutato rispetto ad appena 24 ore fa, quando era ancora prevista la riapertura con distanza di due metri in pista, ingressi dimezzati e solo su prenotazione online. Proprietari e gestori di discoteche avevano ovviamente fatto notare che fosse molto difficile (se non proprio impossibile) far rispettare queste direttive e avevano fatto sapere che molti non avrebbero comunque riaperto.

Forse proprio per questo motivo, nel DPCM che verrà annunciato nella giornata di domani è previsto il rinvio dell’apertura delle discoteche al prossimo 14 luglio. Le amministrazioni regionali, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica, possono comunque decidere di stabilire una diversa data di riapertura delle attività del settore.

Lo stop fino al 14 luglio dovrebbe riguardare anche i servizi di crociera per le navi battenti bandiera italiana.

Dal 25 giugno ok a sport di contatto

Sempre tenendo conto dell’andamento dei contagi nelle singole regioni, dal prossimo 25 giugno sarà possibile riprendere le attività sportive amatoriali “di contatto”. Per giocare a calcetto con gli amici (o a basket, nel campetto sotto casa) si dovrà quindi attendere la seconda metà del mese.

Diversa, invece, la questione per gli sportivi professionisti. Gli eventi sportivi potranno infatti riprendere (sebbene a porte chiuse) a partire dal 12 giugno. Ciò permetterà lo svolgimento delle gare di Coppa Italia (le semifinali tra Juve e Milan e Inter e Napoli, in calendario rispettivamente per domani e dopodomani) senza che si contravvenga alcuna disposizione di legge

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fase 3, rinviata l’apertura delle discoteche: stop prolungato di...