Coronavirus, Italo cancella i treni per l’ordinanza di Speranza: è caos

Italo annuncia la soppressione di diverse corse per l'impossibilità di mantenere le distanze reintrodotte dal ministero della Salute

La compagnia ferroviaria Italo è stata costretta a cancellare otto corse che dovevano svolgersi domenica 2 agosto, a causa del dietrofront sul distanziamento a bordo dell’Alta Velocità, come stabilito dall’ordinanza del ministro Roberto Speranza.

La notizia era stata annunciata dall’amministratore delegato di Italo, Gianbattista La Rocca, e dal vicepresidente Flavio Cattaneo. Nella nota accompagnata alla lista dei treni soppressi sul sito della compagnia, si specifica che “verranno prontamente rimborsati tutti i titoli di viaggio non utilizzati a causa delle restrizioni normative“. Si tratta in totale di 8mila biglietti.

Coronavirus, treni cancellati per l’ordinanza di Speranza: le reazioni

E sul tema proprio il vice presidente esecutivo di Italo, Flavio Cattaneo, ospite su Rete4 di ‘Stasera Italia weekend’, ha dichiarato: “Siamo ai primi di agosto, ci saranno moltissime persone in partenza, per forza dobbiamo annullare dei treni perché in base all’ordinanza del ministro Speranza li dobbiamo annullare, daremo i rimborsi”.

“L’ordinanza non toglie il distanziamento agli aerei e ciò lo giustifica in base a un orientamento dell’Oms – ha detto Cattaneo in trasmissione – basato su aspetti tecnici legati alle caratteristiche del sistema di aria condizionata. Il nostro impianto di area condizionata è migliore degli aerei ma noi ci vediamo costretti a tornare indietro. Se questo deve essere, deve essere uguale per tutti, c’è una discriminazionec’è un caos totale”.

“Abbiamo fatto degli studi – sostiene infine Cattaneo – che hanno verificato che il nostro sistema condizionamento non solo è buono, ma è del 50% superiore per ricambio d’aria a quello di un aereo”.

Trenitalia invece aveva annunciato tramite gli organi di stampa che cercherà “di garantire il viaggio a tutti i passeggeri, magari ricollocandoli in altre classi nel rispetto delle regole sul distanziamento. Se non sarà possibile, manderemo ai clienti un messaggio avvertendoli che potrebbero essere ricollocati su altri terni in orari simili, o se lo desidereranno, potranno avere il rimborso integrale del biglietto”.

La stessa compagnia ferroviaria nazionale ha mandato una mail ai passeggeri: “Ti informiamo che su tutte le Frecce e gli Intercity resta confermato il distanziamento e il limite del 50% di posti da occupare a scacchiera. Trenitalia, su ordinanza del Ministro della Salute, ha infatti sospeso l’applicazione delle misure precedentemente attuate in coerenza con quanto previsto dal DPCM dello scorso 14 luglio che consentivano la deroga al distanziamento sociale a bordo dei treni AV e a Media e Lunga Percorrenza in presenza di specifiche condizioni”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Italo cancella i treni per l’ordinanza di Speranza:...