Chi è Paolo Scaroni, il nuovo probabile presidente del Milan

Chi sarà il nuovo presidente del Milan? Ecco chi è Paolo Scaroni, già consigliere di amministrazione della casa rossonera

Continuano le vicende legate al Milan: il 12 luglio era previsto un consiglio d’amministrazione che però non si è svolto.

Il motivo? L’assenza dei 4 consiglieri cinesi che componevano appunto il cda rossonero e che non hanno così consentito il raggiungimento del quorum. L’avvocato Cappelli, uno dei membri presenti al consiglio di amministrazione, si è espresso così: “la riunione è avvenuta ma non in modo valido viste le assenze. Il Presidente del collegio sindacale tuttavia ha convocato l’assemblea dei soci per sabato 21 luglio, che avrà ad oggetto il rinnovo del consiglio d’amministrazione e la revoca dei consiglieri”.

Oltre a Cappelli, erano presenti Fassone, Patuano (tramite conference call) e Paolo Scaroni. Quest’ultimo è in lizza per il ruolo di nuovo presidente del Milan, ma per la conferma bisognerà attendere la riunione del 21 luglio. Potrebbe essere Scaroni a sostituire Yonghong Li dopo la sua uscita di scena. È stato lui infatti l’artefice dell’arrivo in Italia del fondo Elliott al momento del prestito a Yonghong Li, che ammontava a 303 milioni di euro.

Chi è quindi Paolo Scaroni, nuovo possibile presidente del Milan? Classe 1946, Scaroni è originario di Vicenza. Si iscrive all’Università Bocconi dove consegue la laurea in economia e commercio e in seguito si specializza alla Columbia University di New York con un master in Business Administration. Inizia dunque la sua attività professionale lavorando per imprese quali McKinsey e per il gruppo Saint-Gobain. Dal 1985 al 1996 ricopre il ruolo di vicepresidente e amministratore delegato della Techint, mentre invece nel mondo del calcio, è conosciuto soprattutto per essere stato presidente del Vicenza Calcio dal 1997 al 1999.

La sua carriera prosegue e dal 2001 al 2014 è amministratore delegato di Enel e Eni: nel 2002 viene nominato dal secondo governo Berlusconi per ricoprire appunto la carica di ad e grazie ai risultati ottenuti, nel 2005 riceve la stessa nomina da Eni.

Successivamente, lascerà entrambi gli incarichi per ricoprire il ruolo di vicepresidente della banca d’affari Rothschild. Fa parte del consiglio di amministrazione del Milan dal 14 aprile 2017 e per lui potrebbero ora aprirsi le porte della presidenza della casa Rossonera.

Chi è Paolo Scaroni, il nuovo probabile presidente del Milan