Attenzione a caffè e gelato di famosi marchi: ritirati lotti perché pericolosi

Il ministero della Salute ha pubblicato nuovi richiami per prodotti pericolosi. Questa volta tocca ad alcuni tipi di caffè e di gelato venduti da Conad e Coop

Il ministero della Salute ha pubblicato nuovi richiami per prodotti pericolosi. Dopo i precedenti casi che vi abbiamo segnalato, come quello delle uova, del tonno e della Coca-Cola, questa volta tocca ad alcuni tipi di caffè e di gelato venduti da Conad e Coop.

I tipi di caffè ritirati

In particolare, sono stati ritirati diversi lotti di capsule compatibili con macchine Nescafè Dolce Gusto a marchio Conad, Meseta e Caffè Leoni. Il rischio è che durante l’erogazione della bevanda la capsula rilasci particelle di plastica nella tazzina, che potrebbero essere ingerite dai consumatori.

Purtroppo non è la prima volta che accade. Un altro avviso di richiamo per lo stesso motivo, ma per un numero superiore di marchi, era stato diffuso già nel dicembre 2019. A scopo precauzionale vi consigliamo naturalmente di non utilizzare le capsule di caffè con i marchi e i numeri di lotto segnalati e restituirle al punto vendita d’acquisto per ottenere il rimborso.

Anche questa volta, i prodotti coinvolti sono stati prodotti dall’azienda Beyers Caffè Italia Srl, nello stabilimento di via Marino Serenari 33H, a Castel Maggiore, nella città metropolitana di Bologna.

Ecco i lotti richiamati:

  • Caffè Conad D.Gusto Ginseng 16 capsule lotti da L19142 a L19339 (tranne lotti da L19288 a L19330)
  • Caffè Conad D.Gusto Cortado 16 capsule lotti da L19142 a L19339 (tranne lotti da L19318 a L19333),
  • Caffè Conad D.Gusto Orzo 16 capsule lotti da L19142 a L19339 (ranne lotti L19323 a L19324)
  • Caffè Meseta 16 capsule lotto 19290
  • Caffè Leoni Classico 16 capsule lotti da L19159 a L19161
  • Caffè Leoni Forte 16 capsule lotti da L19159 a L19161

Il tipo di gelato ritirato

Coop invece ha richiamato tre lotti di gelato alla mandorla d’Avola a marchio Fior Fiore per la possibile presenza di tracce di soia non dichiarata in etichetta. Il gelato alla mandorla è stato prodotto per Coop Italia da G7 Srl nello stabilimento di via Luciano Romagnoli 19, a Bentivoglio, nella città metropolitana di Bologna.

Il prodotto coinvolto è venduto in vaschette da 300 grammi. Ecco i lotti coinvolti:

  • lotto L6270629 con Tmc (termine minimo di conservazione) 06/2021
  • lotto L6110629 con Tmc (termine minimo di conservazione) 06/2021
  • lotto L4060929 con Tmc (termine minimo di conservazione) 09/2021
  • lotto L1250529 con Tmc (termine minimo di conservazione) 05/2021.

A scopo precauzionale, si raccomanda alle persone allergiche alla soia di non consumare il gelato alla mandorla con i termini minimi di conservazione segnalati e restituirli al punto vendita Coop d’acquisto, dove sarà rimborsato. Il prodotto è sicuro per i consumatori che non soffrono di allergia alla soia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Attenzione a caffè e gelato di famosi marchi: ritirati lotti perché&...