Bonus Tv, c’è ancora tempo: come funziona l’incentivo e il modulo da scaricare

C'è tempo fino al 2022 per l’acquisto di tv e decoder idonei alla ricezione di programmi con i nuovi standard trasmissivi. Come fare

È partito da un anno e terminerà alla fine del 2022 il bonus Tv per l’acquisto di televisori e decoder idonei alla ricezione di programmi tv con i nuovi standard DVBT-2/HEVC che saranno operativi a partire da metà del 2022.

Il Ministero dello Sviluppo Economico fa sapere che il bonus di 50 euro è stato utilizzato finora per l’acquisto di 300mila dispositivi per un totale di 15 milioni di euro di contributi erogati, a fronte di una disponibilità di 151 milioni di euro per adeguare o sostituire in Italia circa 30 milioni di apparecchi televisivi.

Bonus Tv, quando avverrà il passaggio

Nel giugno 2022 si passerà definitivamente dallo standard di trasmissione televisivo DVB (digital video broadcasting) T1 al DVB T2.
Alla base del nuovo standard di trasmissione del segnale tv c’è la liberazione delle frequenze mobili della banda 700 (compresa tra i 694 e i 790 MHz), indispensabili per la rete mobile 5G. Con il nuovo standard e il cambiamento delle frequenze, i televisori non adeguati saranno incapaci di trasmettere i segnali, è dunque fondamentale per poter continuare a vedere la televisione adeguare in tempo il proprio apparecchio (acquistando un decoder) o cambiarlo del tutto.

Bonus Tv, come capire se cambiare apparecchio

Esiste un modo molto semplice per capire se il proprio apparecchio è compatibile o meno con il nuovo standard: collegarsi al canale 200 (Mediaset) o al canale 100 (Rai) e verificare se risulta la scritta “Test HEVC Main10″. Se appare, allora la televisione funziona già in Dvb-T2. Se invece dovesse spuntare il messaggio “Canale non disponibile”, non è compatibile. Nel caso non dovessero apparire né l’uno né l’altro avviso è necessario risintonizzare tutti i programmi.

In generale è probabile che chi ha comprato la televisione negli anni 2018 o nel 2017 ha già un modello predefinito sul sistema di nuova generazione, visto l’obbligo per i negozianti dal primo gennaio 2017 di vendere solo tv idonee alla futura tecnologia.

Coloro che invece l’hanno acquistata prima dell’estate 2016 quasi sicuramente dovranno cambiare televisione o decoder entro il 2022 per evitare di ritrovarsi con i canali fuori uso.

Per verificare che una tv o un decoder rientrino tra i prodotti per i quali è possibile usufruire del bonus è a disposizione dei cittadini una lista di prodotti “idonei” a questo indirizzo.

Bonus Tv, a chi spetta

Il bonus Tv è rivolto a tutti coloro che entro la fine del 2022 acquisteranno una tv compatibile con la nuova tecnologia, o un decoder, avranno diritto a uno sconto sul prezzo, purché siano residenti in Italia e abbiano un’ISEE inferiore ai 20 mila euro. I bonus consistono in uno sconto di massimo 50 euro applicato direttamente dal venditore sul prezzo del televisore o del decoder.

Bonus Tv, come fare richiesta: il modulo da scaricare

Il bonus viene erogato direttamente sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato. Per ottenere lo sconto, si deve presentare in negozio la richiesta (scarica qui il modulo) dichiarando di essere residenti in Italia e di appartenere a un nucleo familiare di fascia ISEE che non superi i 20.000 euro e che altri componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del bonus.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus Tv, c’è ancora tempo: come funziona l’incentivo e i...