Bonus bici, ultime ore per chiedere il rimborso per gli esclusi dal click day

Il 9 dicembre è l'ultimo giorno utile per fare richiesta dopo il famoso click day di novembre e l’esaurimento dei fondi messi a disposizione per gli utenti

Ultime ore per chiedere il bonus bici, riattivato fino al 9 dicembre dopo il famoso click day di novembre e l’esaurimento dei fondi messi a disposizione per gli utenti.

La corsa al bonus mobilità ha lasciato a bocca asciutta circa 300mila utenti che hanno acquistato bici o monopattini dal 4 maggio in poi, ma che non sono riusciti ad assicurarsi il rimborso al 60% entro il limite massimo di 500 euro nel famigerato click day del 3 novembre. I malfunzionamenti del portale e l’immediato esaurimento dei fondi a disposizione hanno portato il governo a procedere con una seconda chiamata che, appunto, scade alla mezzanotte di oggi.

Bonus bici, cosa fare entro il 9 dicembre

Fino alle 23.59 del 9 dicembre chi è rimasto escluso dal click day potrà registrarsi alla piattaforma buonomobilita.it, caricando i propri dati e la fattura o lo scontrino parlante, sempre utilizzando Spid. Il valore del buono, ovviamente, è lo stesso: fino al 60% della spesa già sostenuta e fino a un massimo di 500 euro.
Questa fase è riservata solo a chi ha già effettuato l’acquisto e aspetta ora il rimborso. Sono stati esclusi coloro che volevano chiedere un voucher per effettuare l’acquisto con lo sconto applicato direttamente dall’esercente.
Secondo i dati del ministero aggiornati al 4 dicembre, sono arrivate 206mila registrazioni, ma quelle prenotate sono state solamente 109mila, per un valore di circa 33 milioni di euro.

Bonus bici, a che punto siamo con i rimborsi

Per i cittadini che hanno presentato la domanda nella seconda fase dell’iniziativa, tra il 9 novembre e il 9 dicembre, i rimborsi sono ancora da finanziare, perché vanno oltre il plafond iniziale di 250 milioni di euro messo a disposizione dell’iniziativa. Quindi arriveranno l’anno prossimo.
Per tutti gli altri, i primi bonifici di rimborso sono partiti a fine novembre: secondo quanto annunciato dal ministero dell’Ambiente al 27 novembre era pari a oltre 54 milioni il valore dei buoni mobilità spesi, mentre risultavano effettuati i primi 90mila rimborsi verso i cittadini per un importo di 30,28 milioni di euro. I rimborsi verso gli esercenti ammontavano alla stessa data al numero di 23.889 per un importo di 9,13 milioni. A quella data gli esercenti registrati alla piattaforma presso i quali è possibile spendere i buoni risultavano essere 3.234, con 5.454 punti vendita tra negozi fisici e online.

Bonus bici anche nel 2021

Secondo la bozza della manovra di bilancio per il 2021, le agevolazioni per chi deciderà di acquistare bici, monopattini e altri mezzi di mobilità sostenibile saranno prorogate anche per il 2021 e per i prossimi anni. Si tratterà di stanziare, secondo quando inserito nella bozza della legge di bilancio, risorse per un massimo di 20 milioni di euro annui per 2021 al 2023 e per 30 milioni di euro annui dal 2024 al 2026″.

Per il 2020 le previsioni parlano di vendite di due milioni di bici ed e-bike, il 50% dei quali acquistati beneficiando del bonus bici. Quanto a monopattini, hoverboard, monowheel, da gennaio a giugno si è registrato un +140% delle vendite, anno su anno. Dati che evidenziano come – recita la bozza della manovra – “non siano sufficienti a consentire il riconoscimento del buono mobilità a tutti i potenziali beneficiari; pertanto è necessario un incremento delle stesse, al fine di soddisfare il maggior numero possibile di richieste”.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus bici, ultime ore per chiedere il rimborso per gli esclusi dal cl...