Il treno a idrogeno che cambierà i viaggi su rotaie

Omologato in Germania, il primo treno passeggeri a idrogeno al mondo promette di cambiare (in meglio) i viaggi su rotaie

In Germania è stato omologato il primo treno passeggeri a idrogeno al mondo, a dimostrazione che una mobilità di massa ecosostenibile è possibile.

È stata approvata infatti dall’Autorità ferroviaria tedesca (EBA) l’avvio di utilizzo del Coradia iLint. L’innovativo treno passeggeri, prodotto dal gruppo industriale francese Alstom, è alimentato da fuel cell: queste producono energia elettrica utili alla trazione dei vagoni. Il treno a idrogeno non solo non produce gas di scarico se non vapore acqueo, ma emette anche meno rumore. Il Coradia iLint converte energia pulita e può immagazzinare l’energia nelle batterie. Non solo: è costituito da una gestione intelligente dell’energia di trazione e di altra energia a disposizione. Il treno passeggeri è stato progettato a Salzgitter in Germania, dall’industria leader del settore, e a Tarbes, in Francia, supportato dal Ministero dell’Economia e da quello dei Trasporti tedeschi.

Ci sono voluti 8 milioni di euro finanziati dal Governo per sviluppare l’innovativo convoglio a idrogeno, che è entrato così a far parte del programma nazionale tedesco per l’innovazione nella tecnologia a idrogeno e celle a combustibile (NIP). Enak Ferlemann, delegato del governo per il trasporto ferroviario, ha affermato: “Un forte segnale di mobilità del futuro. L’idrogeno è veramente un’alternativa al diesel, è efficiente e a basse emissioni. Soprattutto sulle linee secondarie, dove le linee aeree di contatto non sono economiche o non ancora disponibili, questi treni sono un’opzione pulita ed ecologica. Ecco perché supportiamo e vogliamo far emergere questa tecnologia”.

Oltre a essere a impatto zero dal punto di vista delle emissioni, i Coradia iLint offrono prestazioni ottime: con una velocità massima di 140 chilometri orari, posti per 300 passeggeri e un’autonomia di mille chilometri non hanno nulla da invidiare rispetto ai tradizionali treni.

Alstom e le autorità della Bassa Sassonia hanno già firmato un contratto per la costruzione e la consegna di 14 treni a idrogeno, con manutenzione di 30 anni e fornitura di energia. I 14 treni innovativi svolgeranno servizio tra le città di Cuxhaven, Bremerhaven, Bremervörde e Buxtehude a partire da dicembre 2021. Intanto i due prototipi realizzati entreranno nella fase pilota nell’area di Elbe-Weser con l’inizio del servizio passeggeri a inizio autunno.  Anche la Renania Settentrionale-Vestfalia, l’Assia e il Baden-Württemberg sono interessati all’acquisto dei treni.

I treni saranno forniti da Alstom, ma sarà il Gruppo Linde a occuparsi dell’infrastruttura per la ricarica e la manutenzione. Secondo gli esperti, i treni a idrogeno hanno anche una maggior sicurezza ai mezzi pieni di diesel, a parità di condizioni pericolose. Chissà che presto non potremo vedere questi mezzi innovativi anche sulle rotaie italiane.

Treni a idrogeno in Germania

Il treno a idrogeno che cambierà i viaggi su rotaie