ReStart4Smart, Università La Sapienza presenta la casa del futuro a Dubai

L’obiettivo della Sapienza è costruire entro ottobre 2018 il miglior prototipo in scala reale dell’abitazione a impatto zero

Come sarà la casa del futuro? Green, smart e interamente alimentata dall’energia solare.

Ce lo spiega il team dell’Università La Sapienza in gara in rappresentanza dell’Italia al Solar Decathlon, le Olimpiadi universitarie dell’architettura sostenibile. Nel 2018, saranno ospitate per la prima volta in Medio Oriente, a Dubai, con la partecipazione di 21 atenei da 15 Paesi del mondo.

Il progetto italiano è “ReStart4Smart”, proposto dal team universitario multidisciplinare composto da 50 studenti dell’Università Sapienza di Roma provenienti dalle tre facoltà di Architettura, Ingegneria e Comunicazione.

Grazie al programma Microsoft Azure for Research, la Sapienza potrà anche far leva gratuitamente sul Cloud Computing di Microsoft. L’università della capitale ha ottenuto da Microsoft un premio del valore di 20.000 $ e gli studenti e i docenti del gruppo di lavoro ReStart4Smart possono avvalersi di laboratori virtuali e progettare l’innovativo sistema di building automation della Solar House, basandosi sui servizi cloud di Azure. Non solo, il Team Sapienza potrà valorizzare i dati raccolti all’interno dell’edificio e perfezionare il progetto integrando capacità di Intelligenza Artificiale, grazie agli strumenti IoT e ai servizi cognitivi di Microsoft.

Scopriamo le principali caratteristiche di ReStart4Smart, la casa del futuro:

  • Mediante il riconoscimento facciale da parte di telecamere e sensori sarà ad esempio possibile sbloccare serrature elettroniche e monitorare la localizzazione degli abitanti della casa.
  • L’integrazione dell’assistente virtuale Cortana e dei servizi BOT permetterà di comunicare con un Virtual House Keeper, semplificando la gestione della casa e migliorandone la fruibilità.
  • La capacità di analisi dei dati offerta dal Machine Learning consentirà di utilizzare la tecnologia per apprendere e attuare controlli di manutenzione predittiva sugli apparati interconnessi, aumentando l’efficienza del sistema.
  • L’utilizzo sperimentale del visore olografico HoloLens e della realtà mista in ambiti di progettazione, design, gestione e manutenzione dell’edificio.

“Siamo orgogliosi che un progetto guidato dai nostri migliori talenti si sia distinto quale finalista italiano nell’ambito del Solar Decathlon Middle East e siamo sicuri saprà rappresentare bene il nostro Paese in occasione dell’esposizione di Dubai il prossimo anno”, ha dichiarato Eugenio Gaudio rettore di Sapienza Università di Roma. “Le nuove tecnologie sono imprescindibili per immaginare la casa del futuro e tradurla in realtà e in questo il Team Sapienza ha potuto far leva sulle più evolute soluzioni messe a disposizione da Microsoft. La partnership tra Sapienza e Microsoft si inquadra all’interno di un più ampio programma di rinnovamento dell’offerta formativa che il nostro Ateneo sta portando avanti e che comprende il potenziamento degli strumenti informatici a disposizione degli studenti e la sperimentazione di modalità digitali innovative a supporto della formazione e della ricerca”.

Fonte: Ecoseven.net

ReStart4Smart, Università La Sapienza presenta la casa del futuro a Dubai
ReStart4Smart, Università La Sapienza presenta la casa del futuro a&n...