Net Zero 2050: per l’Agenzia internazionale occorre fare di più

La strada per costruire un settore energetico a zero emissioni entro il 2050 esiste ma è stretta

La strada per costruire un settore energetico a zero emissioni entro il 2050 esiste ma è stretta e “richiede una trasformazione senza precedenti nel modo in cui l’energia viene prodotta, trasportata e utilizzata a livello globale”. Il messaggio arriva dall’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) attraverso un rapporto speciale pubblicato questa settimana intitolato “Net Zero by 2050: a Roadmap for the Global Energy Sector”.

L’Agenzia ha messo in evidenza che gli impegni per il clima dei governi fino ad oggi, anche se pienamente raggiunti, sarebbero ben al di sotto di quanto necessario per far scendere allo zero netto le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) dovute alla produzione di energia entro il 2050 e permettere di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi centigradi.

Come ha spiegato la stessa IEA, il rapporto è il primo studio completo al mondo su come passare a un sistema di energia netta zero entro il 2050, “garantendo nel contempo forniture energetiche stabili e convenienti, fornendo accesso universale all’energia e consentendo una solida crescita economica”.

“La nostra tabella di marcia mostra le azioni prioritarie necessarie oggi per garantire che l’opportunità di emissioni nette zero entro il 2050 – limitata ma ancora realizzabile – non vada persa. La portata e la velocità degli sforzi richiesti da questo obiettivo critico e formidabile – la nostra migliore possibilità di affrontare il cambiamento climatico e limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi – rendono questa forse la sfida più grande che l’umanità abbia mai affrontato “, ha affermato Fatih Birol, direttore dell’IEA.

“Il percorso dell’IEA verso questo futuro più luminoso porta un’impennata storica negli investimenti nell’energia pulita che crea milioni di nuovi posti di lavoro e aumenta la crescita economica globale. Portare il mondo su questo percorso richiede azioni politiche forti e credibili da parte dei governi, sostenute da una cooperazione internazionale molto maggiore “.

La roadmap ha definito oltre 400 tappe fondamentali per guidare il viaggio globale verso lo zero netto entro il 2050. Tra queste c’è l’azzeramento degli investimenti in nuovi progetti per fornitura di combustibili fossili e nessun ulteriore investimento in nuove centrali a carbone, il divieto di vendite di nuovo auto con motore a combustione interna entro il 2035 e il raggiungimento entro il 2040 dello zero netto per le emissioni del settore elettrico globale.

Serviranno 630 gigawatt l’anno di nuove installazioni per il solare fotovoltaico e 390 gigawatt l’anno per l’eolico entro la medesima data, “quattro volte il livello record fissato nel 2020”.

Secondo un’analisi congiunta con il Fondo monetario internazionale, l’investimento energetico totale annuo salirà a 5 trilioni di dollari entro il 2030 nel percorso verso zero netto, aggiungendo 0,4 punti percentuali in più all’anno alla crescita del PIL globale.

Il balzo della spesa pubblica e privata creerà milioni di posti di lavoro nell’energia pulita, compresa l’efficienza energetica, nonché nei settori dell’ingegneria, della produzione e delle costruzioni. Tutto ciò porrebbe il PIL globale del 4% in più nel 2030 di quanto raggiungerebbe in base alle tendenze attuali.

“Il percorso delineato nella nostra tabella di marcia è di portata globale, ma ogni paese dovrà progettare la propria strategia, tenendo conto delle proprie circostanze specifiche – ha aggiunto Birol – I piani devono riflettere le diverse fasi di sviluppo economico dei paesi: nel nostro percorso, le economie avanzate raggiungono lo zero netto prima delle economie in via di sviluppo.

L’IEA è pronta a sostenere i governi nella preparazione delle proprie roadmap nazionali e regionali, per fornire guida e assistenza nell’implementazione e per promuovere la cooperazione internazionale per accelerare la transizione energetica a livello mondiale “.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Net Zero 2050: per l’Agenzia internazionale occorre fare di più