Nei cassonetti della carta fino al 15% di altri materiali

Stando ai dati Assocarta nei cassonetti della carta finirebbe il 5-15% di altri materiali vanificando in parte gli sforzi fatti per differenziare la raccolta e riciclare.

La raccolta differenziata è fondamentale per un corretto smaltimento e riciclo dei rifiuti. Purtroppo però nei cassonetti della carta si arriva a trovare fino al 15% di altri materiali.

Il riciclo della carta in Italia è una pratica ampiamente diffusa, si calcola infatti che raggiunga addirittura l’85%. In base agli ultimi dati nel Belpaese si riciclano circa 5 milioni di tonnellate di carta ogni anno, a fronte di 9,1 milioni di tonnellate prodotte. Più della metà (circa il 60%) della carta prodotta in Italia è dunque ottenuta grazie al riciclo. La decisione della Cina di non importare più rifiuti dall’estero a partire dal primo gennaio ha peraltro aumentato l’urgenza da parte delle cartiere italiane di investire sul riciclo.

Sfortunatamente però nei cassonetti della carta si possono trovare tra il 5 e il 15% di altri materiali, plastica soprattutto, ma anche legno e metalli. Spesso poi si trova della carta che essendo sporca non andrebbe gettata nel cassonetto della raccolta differenziata perché non riciclabile.

Questi materiali estranei vengono poi buttati nelle discariche o negli inceneritori, rappresentando così un’occasione persa di riciclo. Peraltro separarli e smaltirli sono operazioni complesse e costose per le aziende, per non parlare poi del fatto che ci sono sempre meno discariche e inceneritori.

Per questo motivo è bene sensibilizzare ed educare i cittadini a un corretto smaltimento dei rifiuti. Le aziende di raccolta, dal canto loro dovrebbero essere dotati di sistemi efficienti di separazione dei rifiuti in modo che si eviti la pratica sbrigativa di  imballare e spedire al riciclo il contenuto del cassonetto così come è invece di operare una selezione a monte che garantisca poi un adeguato riciclo dei materiali.

Nei cassonetti della carta fino al 15% di altri materiali