Mette da parte per un anno la plastica che usa (4.490 oggetti). Poi ne fa un murales

Daniel Webb ha raccolto 4.490 oggetti di plastica in un anno e ne ha fatto una vera e propria opera d'arte dal titolo "Everyday Plastic"

L’Europa produce oggi 25 milioni di tonnellate di plastica all’anno e solo il 30% (il 41% in Italia) viene riciclato. La parte restante rappresenta l’85% della spazzatura che finisce sulle spiagge. Persino nei nostri piatti troviamo microplastiche potenzialmente pericolose per la nostra salute. Sappiamo tutti, in teoria, che dovremmo usare meno plastica. Ma sappiamo quanta ne produciamo in un anno? E qual è il nostro contributo personale all’inquinamento ambientale?

Daniel Webb, un 36enne inglese di Margate nella contea del Kent, ha voluto dare una risposta a queste domande facendo un esperimento che alla fine è diventato un’opera d’arte. Per un anno, dal 1° gennaio 2017, ha raccolto e custodito 4.490 oggetti di plastica che si è trovato a maneggiare quotidianamente: dai tappi di bottiglia ai pacchetti di patatine, dalle cannucce ai tubetti di dentifricio fino ai blister di mediciali. Li ha conservati, accuratamente lavati e riposti in 22 sacchetti colmi. Non ha raccolte bottiglie, a cui ha rinunciato da tempo: “Avrei potuto usarne almeno 300” racconta Webb. “Già così ho evitato che una montagna di plastica finisse in mare”.

Con l’aiuto del fotografo Ollie Harrop, Webb ha deciso di trasformare l’esperimento in un’opera d’arte: ha montato gli scatti degli oggetti in scala 1:1 realizzando un pannello lungo 13 metri e alto 4. Un murales coloratissimo, dal titolo “Everyday Plastic“, che sarà ospitato fino al 21 maggio all’interno del parco divertimenti Dreamland di Margate.22

“È un’istantanea di un anno della mia vita e dell’ubiquità della plastica. Sono felice che contribuirà ad aumentare la consapevolezza”, dice Webb. “Voglio mostrare e condividere con le persone questi risultati tanto crudi quanto scioccanti. Per me non si tratta di dire qualcosa o di criticare qualcuno: la mia speranza è che i visitatori di Dreamland osservino e traggano le loro conclusioni sulla plastica”.

Della collezione di Webb fanno parte 4.490 oggetti. “Se consideriamo che questo è il consumo medio di una persona e lo moltiplichiamo per la popolazione del Regno Unito, il risultato sono 293 miliardi di oggetti di plastica che vengono buttati via ogni anno. Ma il problema è che non appena si parla di miliardi, tutto diventa astratto, come quando si parla di cambiamento climatico”.

Di questi 4.490 articoli, il 60% è costituito da imballaggi alimentari (in gran parte buste di insalate e verdure e sacchetti del pane). Il 93% sono realizzati in plastica monouso, solo 8 articoli, per la maggior parte coperchi di caffè, sono fatti di materiale biodegradabile e 56 realizzati con materiale riciclato.

“Il riciclo è fondamentale e bisogna investire in impianti e infrastrutture. Ma in realtà bisogna soprattutto trovare il modo di usare meno plastica“.

Mette da parte per un anno la plastica che usa (4.490 oggetti). Poi ne...