Mobike: la startup cinese di bike sharing attiva anche in Italia è stata venduta

Il colosso cinese Meituan Dianping acquista Mobike, leader nel settore del biker sharing. Secondo gli esperti, la cifra della compravendita ammonta a 2.7 miliardi di dollari

Cifra record per la vendita di Mobike, la più grande piattaforma di bike sharing al mondo. Società cinese fondata nel 2015 dalla Beijing Mobike Technology Co. Ltd., Mobike opera in tutto il mondo. E, nel settore, ha segnato una vera e propria rivoluzione: la sua caratteristica è infatti l’assenza di stalli per il parcheggio, quegli stessi stalli per cui molte società – malviste dai vari Comuni – sono state costrette a lasciare il mercato.

Fuori dalla Cina, Mobike è attiva a Singapore, ad Amsterdam, a Londra e in Italia. Qui, il servizio è disponibile a Milano, a Firenze e – dallo scorso novembre – anche a Bergamo. Ma non sono le sue biciclette, questa volta, a fare notizia. Bensì l’operazione finanziaria che l’ha vista protagonista.

La società cinese Meituan Dianping, un colosso delle vendite online con interessi in numerose attività (come la consegna di cibo a domicilio) e valutato 30 miliardi di dollari, ha infatti acquistato la start up per la cifra record di 2.7 miliardi di dollari, sebbene non sia una cifra ufficiale: c’è chi parla di 2.2 miliardi, chi di 2.5. In ogni caso, si tratta di un valore enorme.

Mobike continuerà ad operare a suo nome, e ad essere gestita come un’azienda indipendente. La dirigenza non cambierà, l’unico cambio sarà al vertice: l’AD di Meituan Dianping, Xing Wang, sarà il nuovo presidente del consiglio di amministrazione. Così, con questo acquisto, si torna a parlare di bike sharing made in Cina. Un bike sharing che ruota attorno a due nomi: Mobike, per l’appunto, e Ofo. Se nel secondo ha investito Alibaba (con 700 milioni di dollari a luglio 2017, e 866 nel marzo 2018), Mobike è invece al centro dell’attenzione di Tencent (società attiva nel campo dell’intrattenimento, dei mass media, del web e dei telefoni cellulari), suo azionista e azionista anche di Meituan Dianping. Quest’ultima, del resto, non ha mai nascosto la volontà di espandersi anche in altri settori.

Ma come funziona, Mobike? Il principio è semplicissimo: si scarica l’App, si invidua la bicicletta più vicina e, per usarla, si scansiona il codice QR di cui è dotata. Una volta terminato l’uso, basta lasciarla in un qualsiasi parcheggio per biciclette chiudendola con un lucchetto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mobike: la startup cinese di bike sharing attiva anche in Italia è st...