Modulare, sostenibile e antisismica: è la casa del futuro

Tutta italiana, MADI è una casa in legno prefabbricata personalizzabile, e resistente ai terremoti

Si chiama MADI (modulo abitativo dispiegabile) l’ultima frontiera dell’edilizia sostenibile. Oltre che dell’edilizia antisismica e modulare. Perché, il progetto nato dalla collaborazione tra l’azienda abruzzese Area Legno e l’architetto Renato Vidal, è proprio questo: una casa prefabbricata in legno, protetta da un brevetto, che – realizzata mediante la tecnica del dispiegamento – è in grado di resistere ai terremoti. E che è perfetta per un utilizzo residenziale, ma anche come luogo per il tempo libero, l’ospitalità, il commercio, la collettività, l’artigianato, o la creazione di villaggi temporanei in occasione di eventi sportivi o fieristici. Senza contare che potrebbe porsi come la più tempestiva delle soluzioni abitative, nelle zone colpite da calamità naturali.

Facile e veloce da installare, vanta una struttura ad A realizzata con profili e tubi d’acciaio, e dotata di particolari cerniere per la sua apertura e la chiusura. Le chiusure orizzontali di copertura sono realizzate con pannelli Xlam – un legno massiccio a strati incrociati, impermeabilizzati e isolati dal punto di vista termico -, mentre le pareti frontali hanno una struttura a telaio coibentata con lana di roccia, e rivestita in legno. È proprio il legno, a darle forma. E a conferirle il calore della casa. Una casa rivoluzionaria, che cresce, cambia e si sposta sulla base delle necessità del momento. Una che rispetta l’ambiente, essendo a impatto zero. Non necessitando di fondamenta, non consuma territorio: una volta che non la si vuole più utilizzare in un determinato sito, basta piegarla e trasportarla altrove. Ad ancorarla al terreno è un sistema di fondazione a vite, ecologico e innovativo. Proposta in classe B nella sua versione standard, si può avere la propria MADI anche in classe A: in questo caso, sarà dotata di pannelli solari rimovibili, recuperabili e riutilizzabili al 100%.

Abitabile in un paio di giorni (il cantiere è pressoché inesistente, con conseguente risparmio dei costi di gestione), può essere personalizzata a piacere proprio grazie alla sua modularità: si possono scegliere materiali diversi, le misure dei moduli, il loro affiancamento laterale o in profondità. I moduli base disponibili sono ad oggi cinque: modulo singolo “Tiny” (27 mq), modulo doppio “Young” (56 mq), modulo doppio “Luxury” (46 mq, con materiali di pregio e arredi su misura), modulo triplo “Family” (84 mq), modulo triplo “Cottage” (70 mq).

Credits Cabin Porn – Facebook
Modulare, sostenibile e antisismica: è la casa del futuro