Arriva la lampadina “green” che uccide i batteri prevenendo le allergie

Una tecnologia tutta italiana in grado di distruggere i batteri sempre più resistenti agli antibiotici: ecco la lampadina a led green

Si chiama Biovitae ed è una lampadina green che oltre a rispettare i principi che regolano l’economia circolare, è in grado di eliminare i batteri.

Sono ovunque e ricoprono tutte le superfici che tocchiamo: alcuni sono innocui, ma altri sono pericolosi tanto da causare le fastidiose allergie. Negli ultimi anni, evidenze scientifiche hanno dimostrato una maggiore resistenza dei batteri nei confronti delle terapie antibiotiche. In virtù di questo, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), sta cercando un modo per contrastare i circa 25.000 decessi registrati e provocati per la resistenza batterica agli antibiotici.

Nel frattempo, gli italiani Carmelo Cartiere e Rosario Valles, hanno messo su un progetto innovativo che potrebbe risolvere (almeno parzialmente) questo problema. Si tratta di una lampadina a led che possiede una peculiarità di grande interesse: uccide i batteri e mantiene sotto controllo la carica batterica.

Non essendo nociva per uomini e animali, questa lampadina può essere installata tranquillamente in spazi comuni e di grande affollamento come scuole, palestre, mezzi di trasporto, allevamenti, ma anche strutture ospedaliere e sanitarie, uffici e abitazioni.

Biovitae non è solo un dispositivo medico, ma come già accennato, è stato realizzato con l’intento di tenere fede ai principi dell’economia circolare. Rispetta infatti l’ambiente perché emette una quantità di CO2 inferiore a quella di una comune lampadina a led e le sue componenti e i materiali con i quali è stata realizzata, possono essere riciclati e trasformati in modo da durare nel tempo.

Come funziona Biovitae

Questa lampadina a led, grazie alla sua combinazione di frequenze, riesce ad agire direttamente sul metabolismo di spore, funghi, muffe e di tutti i tipi di batteri provocandone la morte. Nello specifico, le frequenze impattano su quella massa gelatinosa costituita da proteine e zuccheri e dove le colonie batteriche possono crescere diventando resistenti anche ai più forti antibiotici.

La luce che penetra all’interno, provoca una immediata reazione metabolica, anche se i batteri iniziano a morire dopo circa mezz’ora. A questo punto, l’ambiente in cui è presente la lampadina risulterà sanificato senza che sia sterile. Allo stesso tempo la lampadina funge da elemento di “prevenzione” nello sviluppo di patologie infettive.

Arriva la lampadina “green” che uccide i batteri prevenend...