Il generatore di corrente elettrica ad acqua

Un nuovo generatore di corrente ad acqua portatile e di piccole dimensioni, consentirà di avere i vostri dispositivi sempre carichi senza usare la rete elettrica

L’invenzione del generatore di corrente ad acqua, è il frutto di recenti studi condotti dalla società svedese MyFc. Una soluzione fortemente innovativa che punta al risparmio assoluto sull’energia elettrica tradizionale. Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia portatile domina sulla società. Ovunque e in ogni momento della giornata tutte le generazioni hanno la necessità di connettersi alla rete; avere quindi dispositivi mobili sempre con la batteria carica è forse l’esigenza più forte che accomuna tutti.

Controllare la mail per lavoro, scattare selfie con amici, rispondere a discussioni di gruppo per organizzare vari eventi e collegarsi ai tantissimi social network esistenti, sono tutte azioni comuni e frequenti che richiedono un’autonomia notevole della batteria. Il mercato attuale offre diverse tipologie di caricabatteria green, che agiscono sfruttando fonti di energia naturali come quella solare, eolica o cinetica. Il principio che accomuna questi dispositivi è che per funzionare e quindi produrre energia hanno la necessità di avere determinate condizioni atmosferiche.

In questo caso invece utilizzando esclusivamente l’acqua, non si è vincolati dal tempo: è questa la caratteristica innovativa del caricabatteria portatile PowerTreek 2.0, comodo, pratico e potente, in grado di alimentare non solo telefoni cellulari, ma anche dispositivi elettronici come tablet e macchine fotografiche, con una potenza di circa 5200 mAh.

Come funziona? Il meccanismo è molto semplice. Questa piccola scatolina per produrre energia sfrutta la reazione che avviene tra l’acqua e il silicato di sodio. Dal contatto tra i due elementi si attiva il principio delle celle combustibili in grado di estrarre l’idrogeno necessario per produrre energia. Quest’ultima è paragonabile a quella prodotta da ben quattro batterie di categoria AA, che hanno una autonomia energica pari alle 10 ore circa.

Per l’attivazione si ha a disposizione un cavo che si alimenta tramite una porta usb, delle cartucce combustibili ricaricabili chiamate PowerPuuk e ovviamente l’acqua, ne basta davvero pochissima, l’equivalente contenuto in un cucchiaino. L’innovativo PowerTrekk 2.0 si impone sul mercato della tecnologia ecosostenbile, con un costo iniziale di circa 100 dollari. Una soluzione davvero stravolgente che sostituisce e migliora notevolmente le prestazioni garantite del suo predecessore, il modello 1.0.

Il generatore di corrente elettrica ad acqua