Efficienza energetica e detrazioni fiscali 2018 per i condomìni

Gli incentivi alla riqualificazione energetica degli spazi comuni degli edifici passa anche dalle detrazioni fiscali concesse. Ecco quel che c’è da sapere per il 2018.

Nel 2018 sono previste delle detrazioni fiscali per le spese relative alla riqualificazione energetica degli spazi comuni all’interno di edifici condominiali. Sapete come si possono richiedere queste agevolazioni?

Chi ne ha diritto
Nella guida dell’ENEA (disponibile cliccando su questo link) si trovano tutti i dettagli in merito ), a partire da chi può accedere a queste detrazioni. Da regolamento, possono usufruire delle agevolazioni fiscali i contribuenti che sostengono le spese di riqualificazione energetica oppure che posseggono un diritto reale sulle unità immobiliari costituenti l’edificio. Va ricordato inoltre che le detrazioni possono essere richieste per interventi di riqualificazione energetica in edifici che siano al momento della richiesta esistenti, ovvero accatastati o con accatastamento in corso, e in regola con il pagamento dei tributi.  Le detrazioni ammontano a una percentuale del 70% al 85% delle spese totali sostenute dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2021. Il limite massimo di spesa ammissibile e la percentuale dipendono dal tipo di intervento e dal numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. In alternativa alle detrazioni, si può scegliere la cessione del credito.

Requisiti per avere le agevolazioni
Per usufruire delle detrazioni fiscali la riqualificazione deve riguardare le parti comuni di edifici condominiali e deve configurarsi come sostituzione o modifica di elementi già esistenti, non come nuova realizzazione. Può anche riguardare, se i lavori sono eseguiti contestualmente, la sostituzione degli infissi e l’installazione delle schermature solari, purché queste voci siano inserite nella stessa relazione tecnica dove vengono indicati i lavori previsti e relativi alle stesse strutture esterne oggetto dell’intervento. Va da sè che deve trattarsi di interventi migliorativi e che devono essere rispettate le leggi e le normative nazionali e locali in tema di sicurezza e di efficienza energetica. Particolari requisiti sono richiesti in caso di interventi nelle zone sismiche. Le agevolazioni riguardano anche le opere accessorie funzionali alla realizzazione degli interventi in oggetto e le spese per le prestazioni professionali necessarie alla realizzazione degli interventi, oltre che per la documentazione tecnica necessaria.

Come fare richiesta
Tutta la documentazione necessaria (l’elenco dettagliato si trova sul sito dell’ENEA) deve essere trasmessa, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, attraverso l’apposito sito web, riferendosi all’anno in cui i lavori sono stati completati: per il 2018 è finanziaria2018.enea.it. La documentazione deve essere redatta e firmata da un tecnico abilitato.

Efficienza energetica e detrazioni fiscali 2018 per i condomìni