Come funziona e perché scegliere il riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento a pavimento è un'alternativa ai tradizionali termosifoni ed è la scelta ideale per chi vuole ridurre l'impatto ambientale e i costi in bolletta

Foto di Matteo Paolini

Matteo Paolini

Giornalista pubblicista

Nel 2012 ottiene l’iscrizione all’Albo dei giornalisti pubblicisti. Dal 2015 lavora come giornalista freelance occupandosi di tematiche ambientali.

Il riscaldamento a pavimento è una scelta sempre più popolare per le nuove abitazioni, perché si adatta perfettamente all’obiettivo di ottimizzare le prestazioni energetiche e migliorare la sostenibilità ambientale. Il riscaldamento a pavimento è un sistema efficiente che consente di risparmiare energia e denaro, oltre che di contribuire alla tutela dell’ambiente.

I vantaggi dei sistemi di riscaldamento a pavimento sono molteplici, ma esistono anche alcune limitazioni. In questo articolo vi spieghiamo quali sono i pro e i contro di questo tipo di impianto di riscaldamento.

Cos’è il riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento a pavimento è un sistema di riscaldamento efficiente ed economico, ideale per qualsiasi tipo di ambiente. I tubi o le resistenze elettriche sono disposti sotto il pavimento in modo da emettere calore uniformemente dal basso verso l’alto. Questo sistema di riscaldamento è silenzioso e non produce alcun tipo di fastidio, garantendo un ambiente confortevole in qualsiasi stagione.

Più frequentemente, il riscaldamento a pavimento funziona riscaldando l’acqua presente all’interno dei tubi. Questo processo avviene grazie a una caldaia, può anche essere una caldaia a pellet o mediante una pompa di calore. Il riscaldamento dell’acqua può essere costoso e inquinante. Fortunatamente, ci sono alcune opzioni sostenibili per il riscaldamento dell’acqua, come i pannelli solari termici. I pannelli solari termici utilizzano l’energia del sole per riscaldare l’acqua, riducendo il consumo di energia e le emissioni di CO2.

Che si tratti di riscaldamento a pavimento ad acqua o elettrico, a differenza di altri sistemi di riscaldamento, ciò che distingue quello a pavimento è che distribuisce il calore in modo uniforme in tutta la stanza, eliminando le zone fredde e assicurando un ambiente confortevole.

Grazie alla proprietà dell’irraggiamento, il calore si diffonde in modo omogeneo da terra fino al soffitto, riscaldando l’intera casa in modo uniforme. Il riscaldamento a pavimento supera così il limite dei sistemi di riscaldamento tradizionali, che tendono a concentrare il calore nelle zone più vicine alla fonte di emissione.

Un riscaldamento green

Il riscaldamento a pavimento è un sistema di riscaldamento eco-friendly, efficiente e confortevole. Non solo funziona bene con basse temperature dell’acqua, ma è anche economico rispetto ai tradizionali impianti a radiatori.

I vantaggi

Come già anticipato, il riscaldamento a pavimento ha un elevato valore ecologico. Chi sceglie questa soluzione può apprezzare nel breve termine un elevato risparmio energetico e, di conseguenza, anche un considerevole abbattimento dei costi delle bollette. La qualità dell’aria e del tasso di umidità migliorano notevolmente, garantendo una migliore qualità della vita. Inoltre, questo tipo di impianto non occupa spazio come quello tradizionale, poiché è posizionato sotto il pavimento. Inoltre, un impianto di riscaldamento a pavimento non occupa spazio a differenza di uno tradizionale, venendo collocato sotto al pavimento

Gli svantaggi

Sicuramente uno dei principali vantaggi di questo tipo di soluzione troviamo l’elevato costo da sostenere per l’installazione dell’impianto. Va considerata inoltre la sostituzione del pavimento esistente e dell’eventuale rimozione del nuovo pavimento nel caso in cui sia necessaria la manutenzione o la riparazione delle tubature dell’impianto.

Differenza tra riscaldamento a pavimento ad acqua e elettrico

Il riscaldamento a pavimento ad acqua è un sistema molto efficiente e confortevole. Le serpentine in cui viene fatta scorrere l’acqua calda sono posizionate sotto il pavimento, in modo da diffondere il calore in tutta la stanza in modo uniforme. L’acqua può essere riscaldata da una caldaia centralizzata o da una pompa di calore, in alcuni sistemi vengono anche sfruttati i pannelli solari termici.

Il riscaldamento a pavimento elettrico è molto simile a quello ad acqua, ma in questo caso viene fatta passare della corrente elettrica che riscalda la resistenza posta sotto il pavimento, per fare un esempio, funziona in maniera molto simile ai piani cottura elettrici.

In entrambi i casi il risultato è una temperatura costante e uniforme è un grande vantaggio, soprattutto per le persone che soffrono di problemi di salute. Inoltre, la sensazione di comfort è molto piacevole e permette di risparmiare energia.

I consumi

Il sistema di riscaldamento a pavimento è una soluzione efficiente sia dal punto di vista energetico che della distribuzione del calore. Infatti, il pavimento si riscalda in modo uniforme, evitando la formazione di correnti d’aria, e il calore viene diffuso in tutta la stanza in modo omogeneo. Inoltre, il sistema di riscaldamento a pavimento consente di risparmiare energia, poiché il calore viene trattenuto all’interno dell’ambiente e non si disperde verso l’esterno.

Stabile con precisione una percentuale di risparmio è difficile, perché entrano in gioco diversi fattori, come ad esempio le caratteristiche dei materiali, la corretta posa degli stessi e l’isolamento termico della casa. È però possibile individuare una forbice che va dal 15% al 25% di risparmio grazie a questo tipo di riscaldamento.