Sostenibilità: capsule d’acqua edibili alla Maratona di Londra 2019 per ridurre la plastica

Svolta "green" per la Maratona di Londra: per l'edizione 2019 sono stati distribuiti ai corridori capsule d'acqua al posto delle classiche bottigliette

Un’edizione dai risvolti “green” quella della Maratona di Londra 2019: i corridori hanno infatti dato tregua alla sete grazie all’acqua presente in “contenitori” un po’ diversi dal solito.

Un’intensa attività sportiva provoca una perdita massiccia di liquidi e di sali minerali che devono essere reintegrati nel giusto modo. E in questo senso l’acqua, rappresenta la modalità chiave per farlo. È facile quindi immaginare come una maratona – come può esserlo quella di Londra – e che prevede un percorso estenuante di circa 42 chilometri, possa richiedere un gran numero di bottiglie di plastica contenenti acqua per colmare la sete. Se poi si considerano i numerosi partecipanti alla gara, è semplice prevedere i grandi quantitativi di plastica che si possono accumulare.

Quest’anno invece, la Maratona di Londra 2019 ha introdotto un’importante novità sostenibile e a supporto dell’ambiente, ma anche della salute degli uomini. La plastica, uno dei materiali più inquinanti al mondo, genera un inquinamento globale senza precedenti. Non sempre è possibile riciclarla e i rifiuti prodotti si stanno accumulando sulla terra, ma anche negli oceani.

L’allarme arriva dalle più grandi associazioni ambientali del mondo e dai ricercatori che hanno sottolineato quanto questa situazione non potrà che portare a peggioramenti nei prossimi anni. Basta pensare alle conseguenze sul clima (già visibili oggi) che provocheranno anche un calo nella produzione di prodotti come ad esempio il vino e la frutta.

I più grandi brand, ma anche Enti e diverse startup stanno fornendo il loro contributo, proponendo soluzioni innovative alla plastica, sostenibili e ugualmente valide. E non ha fatto eccezione la Maratona di Londra 2019, che per l’occasione ha presentato un’alternativa alle solite bottiglie di plastica che tanto inquinano.

Gli organizzatori della maratona, hanno infatti offerto ai corridori delle capsule commestibili a base di alghe che una volta morse, rilasciano il liquido presente al loro interno. Le capsule in questione sono state realizzate dalla startup Skipping Rocks Lab e si chiamano “Ooho!”. Sono state ideate facendo utilizzo di una sottile membrana di alghe naturali e la loro peculiarità consiste nell’essere sostenibili e biodegradabili. Il rivestimento delle capsule può infatti essere mangiato e se gettate a terra, le capsule non producono inquinamento in quanto sono biodegradabili in 6 settimane.

Tuttavia, la Maratona di Londra 2019 non è stata completamente “plastic free”: i negozi presenti lungo il percorso hanno messo a disposizione bottiglie di plastica. Gli organizzatori hanno però specificato a riguardo, che la gran parte di queste bottiglie d’acqua sono state realizzate in materiale riciclabile e che quelle gettate sarebbero state raccolte e poi riciclate.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sostenibilità: capsule d’acqua edibili alla Maratona di Londra ...