Auto elettriche, Polestar (Volvo) punta a produrre a zero emissioni entro il 2030

L'azienda ha annunciato che entro il 2030 sarà in grado di di garantire che produzione dei suoi modelli sarà 100% a zero emissioni

Polestar – la controllata Volvo specializzata in auto elettriche premium – ha annunciato che entro il 2030 sarà in grado di di garantire che produzione dei suoi modelli sarà 100% a zero emissioni. Non più solo quindi nessuna emissione di carbonio durante l’utilizzo del veicolo, ma anche durante la sua costruzione. L’annuncio è arrivato in occasione della presentazione del suo primo report annuale.

La volontà della casa auto svedese nasce dal principio che la cosiddetta “compensazione” delle emissioni – ad esempio piantando alberi in grado di assorbire una quantità di CO2 equivalente a quelle rilasciata nell’atmosfera – non è sostenibile a lungo termine. “Rimangono dubbi sulla capacità di stoccaggio del carbonio a lungo termine di foreste e suoli, poiché una foresta potrebbe essere disboscata, devastata dal fuoco o alterata dai cambiamenti climatici”, si legge in una nota della società.

“La compensazione è una scappatoia – ha dichiarato Thomas Ingenlath, CEO di Polestar – Spingendoci a creare un’auto completamente neutra dal punto di vista climatico, siamo costretti ad andare oltre ciò che è possibile oggi. Dovremo mettere in discussione tutto, innovare e guardare a tecnologie esponenziali mentre progettiamo verso le zero emissioni”.

“Siamo elettrici, quindi non dobbiamo preoccuparci che i motori a combustione producano emissioni tossiche, ma ciò non significa che il nostro lavoro sia finito – ha spiegato il responsabile della sostenibilità di Polestar, Fredrika Klarén – Ora lavoreremo per eliminare tutte le emissioni derivanti dalla produzione. Questo è un momento storico ed emozionante per le case automobilistiche, un’opportunità per cogliere l’attimo, fare meglio e osare di costruire il sogno di auto a impatto zero, circolari e belle “.

L’azione per il clima è già incorporata in tutta l’attività Polestar e gli obiettivi climatici sono integrati nel sistema di bonus per i dipendenti Polestar. A questa misura la casa automobilistica ha annunciato di voler aggiungere le “dichiarazioni di sostenibilità” che verranno applicate a tutti i futuri modelli.

A partire da Polestar 2, infatti, verrà pubblicata l’impronta di carbonio e il tracciamento dei materiali a rischio. L’etichettatura si potrà trovare sul sito web dell’azienda e in Polestar Spaces, “creando un precedente di trasparenza unico per il settore”, ci tiene a sottolineare l’azienda che assicura che con il tempo sarà possibile verificare ulteriori dettagli e informazioni.

“I consumatori sono un’enorme forza trainante nel passaggio a un’economia sostenibile – ha aggiunto Thomas Ingenlath – Devono essere forniti degli strumenti giusti per prendere decisioni informate ed etiche. Questo rende le cose molto chiare. Oggi, Polestar 2 lascia i cancelli della fabbrica con un’impronta di carbonio. Nel 2030 vogliamo presentare un’auto che non ce l’ha”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Auto elettriche, Polestar (Volvo) punta a produrre a zero emissioni en...