Rimborso Irpef fino a 1.880 euro nella busta paga di agosto: cos’è e a chi spetta

I lavoratori dipendenti, proprio a ridosso delle ferie estive, riceveranno anche quest'anno il tanto atteso rimborso Irpef

Agosto è un mese caldissimo, anche per le buste paga. I lavoratori dipendenti infatti, proprio a ridosso delle ferie estive, riceveranno anche quest’anno il tanto atteso rimborso Irpef. Si tratta di una cifra più alta compresa nello stipendio di agosto, pari alle detrazioni spettanti ai fini dell’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche.

Nulla a che vedere dunque con un “nuovo bonus ad agosto”, come abbiamo avuto modo di leggere su diverse testate, anche autorevoli. Si tratta, invece, del classico rimborso IRPEF che spetta ad alcune categorie di lavoratori.

L’ottima notizia è che l’accredito del rimborso Irpef per chi ne ha diritto avviene in modo automatico e il lavoratore non deve effettuare nessuna domanda. Attenzione però, perché il rimborso non spetta a tutti. Servono infatti requisiti particolari.

Rimborso Irpef di agosto: cos’è e quanto spetta

Il valore del “bonus” dipende dal tipo di contratto di lavoro in essere e dai giorni di lavoro svolti nel corso dell’anno.

Al crescere del reddito complessivo del lavoratore la detrazione diminuisce, fino ad azzerarsi in presenza di un reddito pari o superiore alla soglia dei 55mila euro.

Ma vediamo nel dettaglio le cifre:

  • rimborso Irpef minimo: 690 euro
  • rimborso Irpef per lavoratori con contratto a tempo determinato e reddito non superiore a 8mila euro: 1.380 euro
  • rimborso Irpef per lavoratori con contratto a tempo determinato e reddito compreso tra 8mila e 28mila euro: 978 euro
  • rimborso Irpef massimo: 1.880 euro.

Rimborso Irpef di agosto ai pensionati

Per i pensionati, invece, il rimborso Irpef viene automaticamente accreditato nel cedolino della pensione a partire dal mese di agosto o di settembre.

Cioè slitta di 2 mesi rispetto alla data di invio della Dichiarazione dei redditi al Fisco: se viene fatta a giugno, l’accredito arriverà ad agosto, e così via.

Rimborso Irpef di agosto: come averlo sul conto corrente

I contribuenti che intendono ottenere l’accredito dei rimborsi fiscali sul proprio conto corrente bancario o postale possono farne richiesta in qualsiasi momento all’Agenzia delle entrate, tramite la specifica applicazione che consente la compilazione e l’invio dei dati via web.

Questo avviene accedendo all’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate e seguendo, dopo l’autenticazione, il percorso: Servizi per – Richiedere – Accredito rimborso e altre somme su c/c. Questa modalità di pagamento consente di velocizzare l’erogazione dei rimborsi ed evitare inconvenienti.

L’accredito dei rimborsi sul conto corrente può essere richiesto anche compilando l’apposito modello che può essere presentato esclusivamente nei seguenti modi:

  • allegandolo a una mail PEC di uso esclusivo dell’interessato, trattandosi di attività non delegabile; in questo caso, il modello deve essere firmato digitalmente. Il modello può essere inviato a qualsiasi ufficio dell’Agenzia (preferibilmente, alla Direzione Provinciale di propria competenza)
  • presso qualsiasi ufficio Territoriale, allegando al modello copia di un documento di identità del contribuente e, in caso di delega, anche del soggetto delegato, entrambi in corso di validità.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rimborso Irpef fino a 1.880 euro nella busta paga di agosto: cos&#8217...