Pace fiscale, cartelle esattoriali verso la proroga

Governo a lavoro su una nuova pace fiscale: cartelle esattoriali verso proroga 2021

Con l’arrivo del nuovo anno, al via anche l’invio delle cartelle esattoriali sospese per tutto il 2020. La proroga del termine, approvata per andare incontro ai contribuenti in difficoltà, anche e soprattutto a causa dell’emergenza Covid, rimandava le attività di recupero del Fisco al 2021, ma al Governo si parla già di un altro rinvio.

Pace fiscale 2021, Governo pronto alla proroga

A confermare l’intenzione del Governo Conte nel voler approvare, con l’inizio del nuovo anno, una proroga della sospensione delle cartelle esattoriali è l’ex ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli.

Sull’eventualità di procedere con una rottamazione delle cartelle e una nuova pace fiscale nel 2021, all’Ansa, ha dichiarato: “Quest’anno sono state prorogate tutte le scadenze fiscali e ogni tipo di adempimenti per le imprese, non possiamo più permettere che gli imprenditori debbano pagare in un periodo in cui non hanno lavorato, seppur hanno ricevuto i Ristori e seppur hanno recuperato credito per gli affitti”.

“Siamo dalla parte degli imprenditori – ha poi aggiunto Toninelli – di tutti gli imprenditori, non solo dei grossi gruppi industriali, ma anche della piccola impresa familiare”.

Salvini contro il Governo Conte

Sull’argomento pace fiscale e proroga delle cartelle esattoriali si è espresso anche Matteo Salvini.

Il leader della Lega, ha spiegato all’Ansa, non è tanto contro la decisione di bloccare il recupero crediti da parte dello Stato, ma è sui modi e i tempi che ha avuto da ridire: “Si chiude un anno difficile. Si sono accorti il 30 dicembre che il primo gennaio rischiano di partire 30 milioni di cartelle esattoriali e forse serve un decreto legge per evitare questo massacro”.

“Al di là degli equilibri Conte Renzi non si può lavorare così – ha poi commentato lo stesso -. Non si può leggere un’intervista del 30 dicembre del viceministro all’Economia che propone una sanatoria per le cartelle del primo gennaio”.

Fisco, oltre 31 milioni gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate

Intanto, se il Parlamento non dovesse intervenire così come annunciato, circa 31 milioni di notifiche da parte dell’Agenzia delle Entrate e della riscossione sono pronte per essere inviate già a partire da gennaio 2021, gli stessi atti fermati a metà ottobre con il decreto legge 129/20, il cd. decreto Rilancio, confluito poi come emendamento al decreto legge 125/20 sulla proroga dello stato di emergenza.

Lo stato attuale delle cose, con un’emergenza sanitaria che fatica a rientrare, una già annunciata terza ondata e un’economia sempre più precaria, è molto probabile che insieme agli aiuti e ai bonus approvati con la nuova legge di Bilancio 2021, l’Esecutivo scelga di concedere – ancora – un’ulteriore tregua ai contribuenti italiani, specie i piccoli e medi imprenditori, che sono tra i più colpiti dalla crisi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pace fiscale, cartelle esattoriali verso la proroga