In Francia arriva l’ecotassa sui biglietti aerei

Il governo francese annuncia l'ecotassa da 1,50 a 18 euro sui biglietti aerei in partenza dalla Francia. Verrà introdotta a partire dal 2020

Svolta green della Francia. L’amministrazione guidata dal Presidente Emmanuel Macron ha annunciato l’introduzione di una ecotassa da 1,50 a 18 euro sui biglietti aerei dei voli in partenza dalla Francia, fatta eccezione per quelli verso la Corsica, i territori francesi d’Oltremare e i voli in arrivo e in transito.

A partire dal 2020, chi partirà in aereo dalla Francia dovrà pagare 1,50 euro in più per i voli domestici e all’interno dell’Europa in classe economica, 9 euro per gli stessi voli in business, 3 euro per le tratte extra-europee in economica e 18 in business. La tassa si applicherà a tutte le linee aeree, ai voli in partenza dalla Francia e non a quelli in arrivo.

Secondo le previsioni dell’esecutivo, dovrebbe portare nelle casse dello Stato un tesoretto di 182 milioni di euro già a partire dal 2020. Entrate che, ha precisato il ministro dei Trasporti Borne, verranno usati per investimenti in infrastrutture di trasporto più moderne e rispettose dell’ambiente, in particolare, nel campo ferroviario.

Dura la reazione di Air France, la compagnia di bandiera francese, che ha parlato di decisione “incomprensibile ed estremamente penalizzante” e che comporterà per la compagnia costi supplementari per 60 milioni di euro l’anno. Il Ceo di Corsair, Pascal de Izaguirre parla di una misura “demagogica e populista”.
“Il nostro settore – spiega de Izaguirre – è asfissiato dalle tasse e questa misura colpirà particolarmente le compagnie francesi che già pagano il 30% di tasse in più rispetto alla media europa. Il livello era già eccessivo. Ancora una volta si colpisce la competitività delle aziende. Nel nostro Paese quando non si hanno idee si crea una tassa”.

Per Alain Battisti, il presidente della Fnam, la Federazione che raggruppa gli operatori del settore e la maggior parte delle compagnie francesi (Aigle Azur, Air caraibes, Air France, Corsair International, XL Airways), si tratta di “un colpo basso portato alle compagnie aeree francesi e bisognerà assumerne le conseguenze”. Per il presidente dell’Unione degli aeroporti francesi, Thomas Juin, secondo quanto riferisce il quotidiano francese ‘Les Echos’, questa nuova tassa “è un non senso economico e ambientale”.

In Francia arriva l’ecotassa sui biglietti aerei