Fisco, il governo a lavoro sulla delega: novità sulle tasse per la casa

Allo studio dell'esecutivo il testo della legge delega sul Fisco, all'interno anche l'ipotesi di una riforma del catasto

La delega fiscale ritorna sul tavolo del governo dopo il rinvio estivo e potrebbe portare alcune novità. Con l’incombenza dell’estensione dell’obbligo di green pass almeno ai lavoratori del settore pubblico è difficile che la riforma del fisco arrivi in Cdm giovedì, ma il governo ci prova. Tra i temi contenuti nella legge delega, vanno, la semplificazione del fisco e il taglio dell’Irpef per i ceti medi, ma potrebbe essere inserita anche una riforma del catasto che potrebbe creare dissidi nella maggioranza.

Fisco, novità sulle tasse per la casa: la riforma del catasto

La necessità di riequilibrare il trattamento fiscale sul mattone, invocato anche dall’Ocse, è uno dei nodo di maggiore discussione. Il sistema catastale continua, infatti, a privilegiare edifici di pregio nelle zone centrali delle città rispetto a case che, seppure hanno un valore effettivo di gran lunga minore, hanno una rendita più vicina a quella reale in quanto di più recente costruzione.

Il governo sarebbe inoltre intenzionato a modificare l’unità di misura per la determinazione del valore patrimoniale con il passaggio dal “vano” al metro quadrato, mentre un altro tema su cui si valutano interventi è quello dell’emersione degli immobili invisibili su cui si farà affidamento alla mappatura catastale elaborata dall’Agenzia delle Entrate che ha sovrapposto negli ultimi anni rilievi areofotogrammetrici agli elaborati catastali.

Fisco, riforma del catasto: le posizioni nella maggioranza

“Si rispetti la volontà del Parlamento, che attraverso la commissione Finanze si è espressa, pressoché all’unanimità, sul fatto di evitare la revisione del catasto, aumentando di fatto la tassazione sugli immobili” ha detto il deputato di Forza Italia, Sestino Giacomoni, membro del coordinamento di presidenza del partito.

“Così come, per quanto riguarda l’aumento delle bollette, troviamo insieme, in commissione, una soluzione. Forza Italia ha una sua proposta: niente Iva, a fronte di un aumento così sostanzioso delle bollette. Lo Stato abbia il coraggio di non imporre alcuna gabella”, ha concluso.

Una posizione in linea con gli alleati del centrodestra: “Le ipotesi di riforma del catasto avanzate dalla stampa vedono la Lega assolutamente contraria” ha dichiarato Alberto Bagnai, responsabile economico della Lega,

“La posizione della Lega e del Parlamento sul tema è chiara: nessun inasprimento delle imposte sugli immobili, né diretto né indiretto, nessuna revisione degli estimi catastali, neanche sotto la foglia di fico della ‘parità di gettito'” ha aggiunto Alberto Gusmeroli, vicepresidente della commissione Finanze della Camera.

“La casa in Italia è già supertassata: non possiamo permetterci che un altro aumento delle tasse stronchi la ripresa nel ’22, ripetendo l’errore fatto nel 2012 con l’Imu” ha detto ancora.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fisco, il governo a lavoro sulla delega: novità sulle tasse per la ca...