Carta famiglia 2020 al via: sconti, negozi convenzionati e come richiederla

Dal 18 marzo è possibile collegarsi sulla apposita piattaforma e richiedere la Carta che consente sconti e agevolazioni alle famiglie con almeno 3 figli

Dopo l’approvazione del decreto “Cura Italia”, al via da mercoledì 18 marzo la Carta famiglia 2020. Il Dipartimento per le politiche della famiglia ha attivato la piattaforma online cartafamiglia.gov.it per richiederla.

La Carta, in vigore dal 2015, permette di accedere a sconti e riduzioni tariffarie su beni e servizi offerti dalle attività commerciali aderenti, con negozi sia fisici che online: uno strumento di aiuto per famiglie e per i loro acquisti.

Destinatari della carta sono le famiglie costituite da cittadini italiani oppure appartenenti a Paesi membri dell’Unione europea regolarmente residenti nel territorio italiano, senza limiti di reddito, con almeno tre figli conviventi, anche adottivi, che devono essere di età inferiore ai 26 anni.

I soggetti pubblici o privati aderenti all’iniziativa potranno concedere sconti o riduzioni maggiori di quelli normalmente praticati sul mercato (nella misura pari almeno al 5%) e potranno valorizzare la loro partecipazione all’iniziativa a scopi promozionali e pubblicitari.

A seguito del decreto-legge n.9 del 2 marzo 2020 recante “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, il Dipartimento è al lavoro per adeguare la piattaforma a questa modifica normativa ed ampliare la platea di potenziali beneficiari.

Come accettare la carta se si ha un’attività commerciale

Le attività commerciali interessate ad accettare la carta dovranno registrarsi in un’apposita area esercenti all’interno della piattaforma http://www.cartafamiglia.gov.it, utilizzando le proprie credenziali Entratel/Fiscoline.

Una volta eseguito l’accesso, sarà possibile selezionare la partita Iva su cui si desidera operare. Successivamente, la piattaforma permetterà di inserire punti vendita sia fisici che online, e definire le categorie di sconti (per un minimo del 5%).

Ogni punto vendita inserito sarà quindi geolocalizzato e aggiunto alla mappa dei punti vendita aderenti all’iniziativa, visibile al pubblico sul sito http://www.cartafamiglia.gov.it.

Una volta inseriti i punti vendita, l’attività commerciale potrà iniziare ad accettare la carta. La piattaforma permetterà alle attività commerciali di verificare sia se una carta è attiva e quindi registrare lo sconto, sia tutti gli sconti effettuati in ordine cronologico, anche per una specifica carta.

Essendo una carta digitale, per poter accettare la carta le attività commerciali avranno tre opzioni: utilizzare un lettore di codici a barre, inserire manualmente il codice oppure, per i negozi di grandi dimensioni e per i negozi online o di e-commerce, la piattaforma permette ai sistemi informativi delle attività commerciali di parlare direttamente con i database della piattaforma della carta per poter verificare automaticamente, senza inserimenti di codici, se una carta è abilitata e quindi registrare lo sconto.

Quali attività commerciali accettano la Carta e offrono sconti

La normativa non prevede limitazioni: qualunque attività commerciale che offre beni o servizi, o entrambi, può aderire all’iniziativa e iniziare ad offrire sconti alle famiglie in possesso della carta.

Sono quindi inclusi i supermercati, i centri sportivi e ricreativi, i negozi specializzati in elettronica ed elettrodomestici, di arredo, i centri commerciali, hotel ed attività del settore turistico, le cooperative taxi ed i servizi di trasporto pubblico e privato, e qualunque altra tipologia di attività commerciale.

Come ottenere la carta per la propria famiglia

Per poter ottenere la carta, un genitore con tre figli conviventi e di età inferiore ai 26 anni potrà registrarsi sulla piattaforma www.cartafamiglia.gov.it utilizzando le proprie credenziali personali del Sistema pubblico d’identità digitale (Spid).

Una volta registrato sulla piattaforma, il genitore dovrà registrare i tre figli conviventi e di età inferiore ai 26 anni. Il sistema genererà una carta per ogni membro del nucleo familiare, con i propri codici pin.

Poiché solamente uno dei due genitori può fare richiesta della carta per il primo accesso, il genitore richiedente dovrà dichiarare di avere il consenso esplicito dell’altro genitore per inserire i dati personali dei figli minorenni, e del consenso esplicito dei figli con età superiore a 14 anni. I figli maggiorenni, fra i 18 ed i 26 anni, dovranno successivamente validare le loro carte utilizzando le proprie credenziali Spid.

La carta è digitale. Ciò significa che una volta registrati sulla piattaforma, ogni componente del nucleo familiare potrà accedere alla piattaforma e visionare il codice a barre e numerico della propria carta. L’utente potrà inoltre scaricare il codice in formato Pdf, così da poterlo conservare sul proprio smartphone.

Per assistenza tecnica sulla Carta, è possibile rivolgersi al numero di telefono: (+39) 800 991199. Le attività commerciali interessate ad aderire all’iniziativa possono inviare un’email a cartafamiglia@governo.it.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Carta famiglia 2020 al via: sconti, negozi convenzionati e come richie...